15 giugno 2010 / 06:49 / tra 8 anni

Marea nera, stop operazioni per incendio. Obama in tv

WASHINGTON/HOUSTON, Stati Uniti (Reuters) - Mentre c’è attesa per il discorso televisivo del presidente americano Barack Obama sulla fuoriuscita di petrolio nel Golfo del Messico, la Bp ha annunciato di avere temporaneamente sospeso le operazioni per la raccolta di greggio dopo che un‘imbarcazione in superficie ha preso fuoco.

<p>14 giugno 2010, Barack Obama durante una conferenza stampa sull'impianto estrattivo affondato da cui continua a fuoriuscire petrolio. REUTERS/Jim Young</p>

L‘incendio - forse provocato da un fulmine - sulla Discover Enterprise, impegnata nelle operazioni di raccolta del petrolio che fuoriesce dalla piattaforma Macondo, è stato spento e non ci sono feriti, dice la compagnia in una nota.

La Bp conta di riprendere nelle prossime ore le operazioni.

Intanto, nel corso di un‘audizione del Congresso, i dirigenti delle maggiori compagnie petrolifere hanno detto oggi che Bp non ha rispettato gli standard del settore nella costruzione della sua piattaforma sottomarina, dalla quale -- dallo scorso 20 aprile -- un fiume di greggio si riversa in mare. Si tratta del più grave disastro ambientale nella storia degli Stati Uniti.

I tentativi dei dirigenti di prendere le distanze da Bp però non hanno impedito ai parlamentari democratici di bollare come “praticamente inutili” i progetti dei colossi del settore riguardo alla gestione dei disastri petroliferi sottomartini.

Nel primo discorso trasmesso in tv dallo Studio Ovale, Obama cercherà di dimostrare che può risolvere la crisi, che ha messo in gioco la sua presidenza e fatto passare in secondo piano i tentativi di ridurre la disoccupazione e riformare Wall Street. Il discorso sarà trasmesso in tv alle 20 (le 3 di domani in Italia).

Il presidente cercherà anche di portare avanti i suoi ambiziosi progetti di riduzione della dipendenza degli Usa dai carburanti fossili.

Secondo i sondaggi, la maggioranza degli americani è convinta che Obama si sia occupato troppo poco del disastro, e da più parti sono arrivate pressioni perché dimostri una leadership più forte.

Intanto la Casa Bianca si è detta oggi convinta che Bp abbia denaro a sufficienza per coprire i costi, che ammonteranno a miliardi di dollari.

“Hanno moltissimi asset, moltissimo denaro. Garantiremo che il denaro venga messo nel posto giusto per assicurare che ci si prenda cura (degli abitanti del Golfo)”, ha detto il portavoce della Casa Bianca, Bill Burton, ai giornalisti.

Domani Obama chiederà al presidente di Bp, Carl-Henric Svanberg, di istituire un fondo indipendente che risarcisca persone e aziende.

AUDIZIONE AL CONGRESSO

Nel corso dell‘audizione di oggi, i dirigenti di Exxon Mobil, Chevron, ConocoPhillips e Royal Dutch Shell non hanno risposto quando un parlamentare ha chiesto loro se fossero convinti che Bp abbia commesso degli errori nella costruzione della piattaforma Macondo nel Golfo del Messico.

“Sono convinto che l‘inchiesta indipendente dimostrerà che questa tragedia si poteva evitare”, ha detto John Watson, presidente e AD di Chevron, in una testimonianza scritta.

Il parlamentare Edward Markey ha poi chiesto al numero uno di Bp negli Usa, Lamar McKay, di scusarsi per non essere riuscito a stimare la quantità di petrolio che si riversa nel Golfo.

Milioni di litri di greggio si sono riversati in mare, contaminando 190 chilometri di coste, con danni miliardari alla pesca e al turismo.

“Quando sarete pronti a scusarvi potremo andare aventi”, ha detto Markey.

Nel frattempo, i tentativi di Bp di contenere la fuoriuscita stanno dando risultati migliori, da quando, la scorsa settimana, un ufficiale della Guardia costiera americana ne ha assunto la direzione delle operazioni.

Il contrammiraglio James Watson ha spiegato ieri in un comunicato che il nuovo piano d‘azione di Bp permetterà alla società di raggiungere la soglia di 50mila barili recuperati ogni giorno entro la fine di giugno, due settimane prima del previsto.

Ieri, i barili di petrolio recuperati sono stati 15.420, come ha annunciato oggi Bp.

Domani, ha spiegato il portavoce Toby Odone, sarà operativo un altro sistema simile per catturare maggiori quantità di greggio.

Complessivamente, dal 3 giugno -- data in cui è stato installato -- il sistema ha catturato 149.900 barili di petrolio.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below