14 giugno 2010 / 12:07 / tra 7 anni

Fiat, Marcegaglia: speriamo Fiom cambi idea

MILANO (Reuters) - La sfida di oggi è rendere il lavoro più competitivo: una parte del sindacato l‘ha capito, c’è da augurarsi che anche la Fiom cambi idea.

<p>Lo stabilimento Fiat di Pomigliano d'Arco. REUTERS/Stefano Renna/Agnfoto (ITALY TRANSPORT EMPLOYMENT BUSINESS)</p>

Lo ha detto il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, intervenendo all‘assemblea di Assolombarda, in riferimento all‘accordo separato fatto venerdì scorso dalla Fiat sulla ristrutturazione dello stabilimento campano di Pomigliano.

“In questa fase siamo tutti con le spalle al muro. Abbiamo la necessità di rendere il lavoro più competitivo. C’è un pezzo importante del sindacato che accetta questa sfida, ma c’è un‘altra parte che ha detto no. Bisogna guardare avanti, non far finta di non vedere il mondo in cui viviamo, mi auguro che la Fiom cambi idea. Auspico davvero che alla fine prevalga il senso di responsabilità e la volontà di dare speranza a questo Paese”, ha detto la Marcegaglia.

Oggi la Fiom riunisce il suo comitato centrale per valutare l‘accordo che venerdì scorso ha raccolto il sì di 4 sindacati, ma non il suo. Nei prossimi giorni sull‘accordo si terrà a Pomigliano un referendum fra i lavoratori.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below