7 maggio 2010 / 07:59 / tra 8 anni

Moody's: Italia non è in prima linea su crisi debito

MILANO (Reuters) - All‘Italia è richiesto uno sforzo relativamente moderato per tenere sotto controllo il debito pubblico e la storia recente del paese a tale riguardo è incoraggiante, afferma l‘agenzia di rating Moody’s in una serie di slide preparate per una presentazione in programma oggi a Milano. La spesa per interessi, avverte l‘agenzia, rappresenta però una possibile fonte di vulnerabilità.

<p>Il governatore di Banca d'Italia Mario Draghi (foto di reppertorio) REUTERS/Yuri Gripas</p>

Come non è stata “in prima linea” durante la crisi finanziaria globale, l‘Italia continua a non essere in prima linea ora che il fronte di crisi è rappresentato dai debiti pubblici, si legge nelle slide.

Il paese infatti puo’ contare su “un track record incoraggiante” nel controllo dei livelli del debito e ha di fronte uno sforzo relativamente moderato data la buona tenuta dei conti durante la crisi.

La spesa per interessi rappresenta certamente un “tallone d‘Achille” in quanto espone il paese ai rischi di rialzo dei tassi, tuttavia l‘Italia puo’ contare sull‘allungamento della vita media del debito e sull‘abitudine dei suoi governi a tener conto del vincolo degli interessi passivi nella redazione dei bilanci.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below