23 aprile 2010 / 10:20 / 7 anni fa

Italia, Prometeia conferma Pil 2010 a +0,8%, alza deficit a 6,4%

MILANO (Reuters) - L‘economia italiana è tornata a crescere ma con un passo più lento e ancora incerto.

<p>Giulio Tremonti, ministro dell'Economia, in foto d'archivio. REUTERS/Sergio Perez</p>

A dirlo è Prometeia che nell‘ultimo rapporto previsivo conferma per l‘anno in corso una stima di crescita del Pil allo 0,8%, mentre per il 2011 abbassa la stima a +1% dal +1,4% visto a gennaio.

Il 2010 è comunque cominciato bene, con un rimbalzo di produzione industriale che, se in parte va a correggere la marcata flessione di dicembre, getta le basi per una robusta crescita del Pil nel primo trimestre, scrive Prometeia nel suo rapporto. Ma già per il secondo trimestre, le informazioni congiunturali segnalano la possibilità di una battuta d‘arresto: l‘attività economica pur se avviata su un sentiero di crescita non è caratterizzata da un certo vigore.

Prometeia prevede dunque che la ripresa del Pil proseguirà nei prossimi trimestri ma con un‘intensità modesta e altalenante.

In questo difficile scenario il tasso di disoccupazione salirà fino all‘11%, tornando sui livelli massimi già visti negli ultimi 50 anni.

In tema di conti pubblici il centro studi vede per l‘Italia dati peggiori rispetto a atre mesi fa con un deficit/Pil 2010 a 6,4% rispetto al 5,9% di gennaio e un 2011 a 5,6 da 4,7%.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below