1 aprile 2010 / 16:03 / tra 8 anni

Borsa Milano chiude in rialzo, in luce Lottomatica e Cir

MILANO (Reuters) - La borsa di Milano chiude la seduta in rialzo, sostenuta dal buon andamento dell‘industria in Europa e negli Stati Uniti e dai dati sui sussidi di disoccupazione Usa.

L‘indice Pmi Markit del settore manifatturiero per la zona euro è salito oltre le attese, a quota 56,6 a marzo, il valore più alto da novembre 2006.

Dati record anche per l‘industria americana, con l‘indice Ism sull‘attività manifatturiera cresciuto a marzo a 59,6, ai massimi da luglio del 2004.

Le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione Usa la scorsa settimana sono scese a 439.000 dalle 445.000 di quella precedente, sostanzialmente in linea con le attese.

“La borsa ha girato sui dati Usa. In particolare è stato importante il dato Ism sul settore manifatturiero, oltre due punti e mezzo sopra le attese” spiega un trader, precisando che i “volumi sono ridotti, nel clima festivo, e questo aiuta”.

L‘indice FTSE Mib ha chiuso in rialzo dell‘1,57%, l‘AllShare ha guadagnato l‘1,5% e il MidCap l‘1,15%. Volumi per quasi 1,9 miliardi di euro.

* LOTTOMATICA ha chiuso in rialzo del 3,4% nonostante la riapertura del bando di gara da essa vinto per la concessione del “Gratta e Vinci”. Secondo alcuni analisti, infatti, la società non rischia di perdere la concessione. “Inoltre viene apprezzato che non ci siano state variazioni nei termini delle concessioni” aggiunge un trader. Sisal, pochi minuti prima della chiusura della borsa, ha confermato il proprio interesse a partecipare alla gara.

* CIR ha archiviato la seduta in rialzo del 3,14%, dopo la richiesta di ammissione alla quotazione da parte della controllata Kos e l‘innalzamento, ieri, del target price da parte di Kepler.

* BUZZI UNICEM chiude a +2,95%, dopo che Deutsche Bank ha alzato il suo target price. Bene anche ITALCEMENTI, di cui Deutsche Bank ha ritoccato il target price in misura più contenuta.

* Maglia rosa per AZIMUT, che avanza del 3,47%. Per un trader si tratta di un rimbalzo tecnico dopo la perdita registrata ieri.

* CAMPARI termina la gionata a -1,45%, dopo i deludenti risultati di ieri. Nomura ne alza il target price, ma ne riduce contemporaneamente le stime di utile per azione sia per il 2010 che per il 2011.

* PIRELLI è la peggiore tra le blue chip e perde l‘1,98%.

* Fuori dal paniere principale vola sulla forza dei risultati CERAMICHE RICCHETTI, toniche BIALETTI INDUSTRIE e FILATURA POLLONE.

* YOOX sale del 3,8%, ai massimi dalla quotazione in borsa lo scorso dicembre, con i trader che fanno notare che Richemont’s progetta di acquistare il concorrente Net-a-Porter a un prezzo decisamente più alto di quello attuale di Yoox.

* Oltre 3,3% di rialzo per FASTWEB, che secondo indiscrezioni di stampa avrebbe deciso lo scorporo in una srl separata delle attività soggette a indagine.

* Cede SNAI, che ha pubblicato ieri in tarda serata i risultati 2009, che vedono i conti in rosso, seppure con una consistente riduzione delle perdite rispetto al 2008.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below