30 marzo 2010 / 16:09 / 8 anni fa

Borsa Milano chiude debole, vendite su Fiat e Pirelli

MILANO (Reuters) - Piazza Affari chiude debole sulla scia di Wall Street, in un mercato che fin dalla mattina ha visto prese di profitto moderate a pochi giorni dal lungo fine settimana di Pasqua.

<p>Palazzo della Borsa in foto d'archivio. REUTERS/Stefano Rellandini</p>

“In vista del periodo festivo ci sono un po’ di realizzi e si va a colpire i titoli che sono andati meglio nelle ultime sedute, come Fiat e Pirelli”, dice un dealer, aggiungendo che gli scambi sono calmi.

“Dall‘altra parte si pareggiano i portafogli con qualche acquisto sulle azioni che non hanno offerto grandi performance di recente, come Telecom Italia o Generali”, spiega.

L‘indice FTSE Mib chiude in calo dello 0,44%, l‘AllShare -0,4%, il MidCap arretra dello 0,54% circa. Volumi per circa 1,9 miliardi di euro.

* FIAT lascia sul terreno oltre due punti percentuali, con l‘indice europeo del settore che segna -1,6%. La controllante EXOR segue la tendenza. Non aiutano le dichiaraziooni di Marchionne dagli Stati Uniti, che parla per Chrysler di andamento migliore rispetto ai target.

* Perde oltre il 2% anche PIRELLI, che ieri è salita su ipotesi di mercato per un‘incorporazione dei Tyre nella holding, una volta scorporati gli immobili. Ieri il presidente Marco Tronchetti Provera ha detto che valuterà se è nell‘interesse del gruppo realizzare un‘operazione di quel tipo.

* GENERALI in lieve rialzo (+0,2%). Secondo un operatore, “non ci sono motivi per acquistare sui fondamentali, c’è solo un po’ di rotazione di mercato”.

* ACEA è pesante dopo aver archiviato il 2009 in perdita e annunciato che non distribuirà dividendo.

* Nel pomeriggio realizzi su BULGARI, nonostante il mercato cominci a considerare la società un target potenziale. Ieri l‘AD di Swatch ha smentito che il gruppo svizzero sia interessato.

* Torna in denaro TELECOM ITALIA (+1% circa), che fa meglio di un paniere delle tlc positivo.

* Male STMICROELECTRONICS, sebbene Cheuvreux ne abbia alzato il target price e lo abbia confermato nella lista dei titoli preferiti.

* Tra le società che hanno comunicato i risultati 2009 fra ieri e oggi, vola CSP (+15%).

* Appena sopra la parità SORIN, 1,5630. Un dealer ricorda che “gli azionisti di minoranza sono insoddisfatti del prezzo” proposto dal consorzio che ha presentato un‘offerta di buyout. Un report di Mediobanca di alcuni giorni or sono, dal titolo “Turbolent shareholders, good financials”, indica un target price di 2 euro.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below