25 marzo 2010 / 11:41 / tra 8 anni

Greggio sotto 81 dollari, mercato fermo dopo dati scorte Usa

LONDRA (Reuters) - Le quotazioni petrolifere restano sotto gli 81 dollari il barile, livello cui il mercato si è posizionato ieri a seguito dei dati sulle scorte Usa. Dati che hanno mostrato un balzo degli stoccaggi di greggio ma una diminuzione dei prodotti raffinati, senza quindi dare un‘indicazione univoca sulla reale forza della domanda americana.

D‘altra parte i margini di rialzo per le quotazioni petrolifere vengono compressi da un euro che continua a deprezzarsi nei confronti del dollaro (la valuta unica tratta sui minimi da dieci mesi).

“C’è una certa vischiosità del mercato che mantiene i prezzi sopra gli 80 dollari” commenta l‘analista di Barclays Capital Amrita Sen. “Il dato sulle scorte mi è parso sostanzialmente neutrale. Il dato generale spinge alla cautela, ma i numeri relativi ai prodotti petroliferi erano piuttosto robusti”.

Alle 12,00 italiane il future scadenza maggio sul Nymex tratta a 80,88 dollari il barile (+0,27), vicino al massimo di sessione di 90,95 dollari. Il Brent Ice di Londra scadenza maggio scadenza maggio tratta a 79,94 dollari (+0,30), massimo intraday di oggi.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

Le top news anche su www.twitter.com/reuters italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below