18 marzo 2010 / 07:20 / tra 8 anni

Enel, dividendo 2009 a 0,25 euro,in aprile prospetto Green Power

LONDRA (Reuters) - Il consiglio di amministrazione di Enel ha approvato i risultati del 2009 che si chiudono con un utile di 5,395 miliardi e ha deciso si proporre all‘assemblea un dividendo per l‘intero 2009 di 0,25 euro per azione di cui 0,10 euro sono stati già anticipati lo scorso novembre.

<p>Fulvio Conti, amministratore delegato di Enel, in una foto scattata a Mochovce, in Slovacchia, il 3 novembre 2008. REUTERS/Radovan Stoklasa</p>

Lo si legge in una nota della società in cui si dice anche che il dividendo sarà pagato a partire dal 24 giugno con stacco della cedola il 21 giugno.

La società nella nota spiega che l‘utile ordinario, quello su cui si calcola il dividendo, del 2009 è stato di circa 4 miliardi.

“I consigli di amministrazione di Endesa e di Enel hanno approvato, rispettivamente il 15 marzo 2010 e il 17 marzo 2010, un‘operazione che prevede l‘integrazione delle attività di Endesa e di Enel Green Power SpA (EGP) nel settore delle energie rinnovabili in Spagna e Portogallo”.

L‘obiettivo dell‘operazione, spiega la nota di Enel, ”è di garantire, all‘interno del perimetro di Egp, una gestione unitaria allo sviluppo nella penisola iberica di tutte le attività di Egp e di Endesa nel campo delle fonti rinnovabili. Tale obiettivo verrà perseguito attraverso Endesa Cogeneración y Renovables (oggi 100% Endesa), il cui capitale al termine del processo di integrazione sarà posseduto per il 60% da EGP e per il 40% da Endesa.

Confermando l‘obiettivo della riduzione dell‘indebitamento a 45 miliardi a fine 2010 attraverso il piano di dismissioni da 7 miliardi, Enel annuncia il deposito del prospetto per l‘Ipo di Enel green power “presso le autorità competenti entro la fine del mese di aprile 2010”. Viene ribadito che una parte della cessione della quota di minoranza potrebbe essere comunque ceduta a “vendita diretta ad investitori industriali”.

Entro la fine del primo semestre viene invece vista la cessione della rete del gas spagnola.

IL PIANO AL 2014

La riunione del consiglio ha anche approvato l‘aggiornamento del piano industriale al 2014.

Enel conferma un utile ordinario di 4 miliardi nel 2010, 4,1 miliardi nel 2011 e stima di raggiungere i 5,4 miliardi nel 2014.

Ribadita la politica dei dividendi che prevede un pay-out pari al 60% dell‘utile netto ordinario.

Confermati i target di Ebitda del piano per il 2010 e il 2011 a 16 miliardi. Nel 2014 è stimato a 19 miliardi nel 2014.

Enel investirà nel periodo di piano 30 miliardi, ma i vertici del gruppo elettrico si sono mantenuti le mani libere spiegando che “qualora il ciclo economico non dovesse confermare gli attuali segnali di ripresa, il gruppo può attivare una diversa modulazione degli investimenti per circa 3 miliardi di euro”.

I clienti Reuters possono leggere il comunicato in forma integrale cliccando su [ID:nBIAn18355]..

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below