3 marzo 2010 / 16:44 / 8 anni fa

Crisi, Autorità finanziarie per maggiore trasparenza in bilanci

ROMA (Reuters) - Banca d‘Italia, Consob e Isvap hanno messo a punto oggi un documento congiunto con il quale richiedono alle società maggiore trasparenza nella redazione di semestrali e bilanci annuali, con particolare riguardo alle informazioni relative alle attività aziendali che possono aver risentito maggiormente della crisi.

<p>Mario Draghi, governatore della Banca d'Italia, in foto d'archivio. REUTERS/Stefan Wermuth</p>

Lo si legge in un comunicato congiunto in cui si precisa che le indicazioni dettate non hanno carattere precettivo.

La richiesta di trasparenza, spiega la nota, individua “alcune aree informative nelle quali le società devono assicurare un più elevato grado di trasparenza”.

Maggiore chiarezza deve essere fatta nella “valutazione dell‘avviamento (cd. impairment test), delle altre attività immateriali a vita utile indefinita e delle partecipazioni; nella valutazione dei titoli di capitale classificati come ‘disponibili per la vendita’; nella classificazione delle passività finanziarie quando non vengano rispettate le clausole contrattuali che determinano la perdita del beneficio del termine”.

Le società sono chiamate anche ad una maggiore informazione ”in merito alle ristrutturazioni del debito“ e sono invitate ad attenersi alla ”cosi detta ‘gerarchia del fair value’..

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below