2 marzo 2010 / 10:12 / 8 anni fa

Inflazione febbraio sotto attese in Italia e zona euro

ROMA/MILANO (Reuters) - Secondo i dati provvisori 
di Istat, l'indice Nic dei prezzi al consumo è salito a febbraio 
dello 0,1% su mese e dell'1,2% su anno, leggermente meno delle 
previsioni degli analisti.
Poco sotto le attese anche l'inflazione della zona euro, che 
secondo la lettura preliminare di Eurostat è salita il mese 
scorso dello 0,9% su anno dal 1% di gennaio; il consensus dava 
un incremento dell'1% anche per febbraio.
L'andamento dei prezzi continua quindi a restare sotto 
controllo. "L'inflazione non è certo un tema che desta 
preoccupazioni in questo momento, anche a livello europeo", 
osserva Laura Cavallaro di Aletti Gestielle.
In Italia a gennaio l'indice Nic aveva mostrato un rialzo 
dello 0,1% in termini congiunturali ed era salito dell'1,3% su 
base annua.
A febbraio, l'indice armonizzato Ipca è risultato piatto su 
mese mentre è salito dell'1,1% su anno (da -1,5%, dato rivisto 
da -1,4%, e 1,3%, rivisto da 1,4%, del mese precedente).
DATO SOTTO ATTESE IN ITALIA E ZONA EURO, NO PRESSIONI SU BCE
Secondo un sondaggio Reuters gli economisti si aspettavano, 
sia per il Nic che per il dato armonizzato, un rialzo dello 0,2% 
su mese e dell'1,3% su anno.
"Gli indici sono un po' sotto le nostre attese e quelle di 
consensus", conferma Cavallaro che sottolinea, tra le 
componenti, il calo congiunturale del comparto trasporti (-0,1%) 
-  "probabilmente legato alla diminuzione del prezzo del diesel" 
- e l'andamento piatto del settore Abbigliamento e calzature. 
"Di solito a febbraio si ha un incremento dei prezzi dopo i 
saldi di gennaio e con la presentazione delle nuove collezioni: 
vediamo invece un dato inferiore alle attese che potrebbe essere 
dovuto alla debolezza della domanda", spiega l'economista.
Per il 2010 Aletti Gestielle stima un'inflazione media in 
Italia dell'1,7%, con un "avvicinamento al 2% solo verso fine 
anno". Per la zona euro, le attese per i prossimi mesi sono di 
un dato "intorno all'1% con una modesta accelerazione nei mesi 
estivi" per arrivare a una media per l'intero anno intorno 
all'1,3%.
Stessa previsione anche per Unicredit, che per la zona euro 
vede un'inflazione generale all'1,3% quest'anno e all'1,8% nel 
2011.
"Finora l'inflazione europea si sta rilevando in linea con 
la parte bassa delle nostre attese (...) a causa principalmente 
dell'inflazione core, il cui trend di rallentamento si è 
significativamente intensificato all'inizio dell'anno", commenta 
in una nota l'analista Marco Valli.
Unicredit vede un'inflazione core rallentare quasi fino allo 
zero nel primo semestre 2011.
"L'inflazione non arriverà a livelli tali da mettere 
pressione sulla Bce, dalla quale ci aspettiamo un primo rialzo 
dei tassi solo a fine anno", conclude Cavallaro.
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano
Top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

<p>Una cassa a un supermercato.</p>
0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below