11 febbraio 2010 / 17:17 / tra 8 anni

Energia, fonte: governo per proroga risposta a Ue su incentivi

ROMA (Reuters) - Il governo italiano è intenzionato a chiedere una proroga prima di rispondere alla Ue sulla lettera di messa in mora inviata dalla Commissione che contesta la politica di incentivi al settore elettrico.

<p>Claudio Scajola in una foto d'archivio. REUTERS/Tony Gentile</p>

Lo riferisce una fonte del ministero dello Sviluppo economico.

“Si sta ragionando sulla lettera della Ue, ma l‘intenzione è quella di chiedere una proroga prima di rispondere”, ha detto la fonte.

Il 29 gennaio Bruxelles ha avvisato, con una missiva, il governo italiano di aver messo sotto istruttoria la sua politica di sostegno al settore elettrico. Come da prassi all‘Italia sono stati concessi due mesi per poter rispondere.

Nel mirino della Ue sono finiti gli incentivi per la produzione da fonti rinnovabili e assimilate, che costituirebbero una sorta di dazio contro l‘energia elettrica importata.

Inoltre, la Commissione ha espresso dubbi sulla congruità dei rimborsi nucleari concessi ai produttori dopo il referendum che nel 1987 ha imposto il blocco degli impianti esistenti, in costruzione o già in esercizio.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below