11 febbraio 2010 / 11:06 / 8 anni fa

Ue, nel 2008 rimesse lavoratori migranti salite a 31,8 mld euro

BRUXELLES (Reuters) - Le rimesse dei lavoratori migranti nell‘Unione Europea verso i paesi di residenza sono ammontate, nel 2008, a 31,8 miliardi di euro, in lieve crescita rispetto ai 31,3 del 2007, ma in netto rialzo rispetto ai 19,4 miliardi del 2004. E’ quanto si evince da un rapporto Eurostat pubblicato oggi.

<p>Joaquin Almunia, Commissario europeo per gli Affari Economici e Monetari, in foto d'archivio. REUTERS/Francois Lenoir</p>

L‘aumento della cifra che i lavoratori destinano ai paesi di residenza, si legge nel rapporto, è cresciuta soprattutto per via del marcato aumento dei flussi esterni al blocco dei 27 (dagli 11,5 miliardi del 2004 ai 22,5 miliardi di euro del 2008), mentre quelli interni all‘Ue sono cresciuti ma non così rapidamente (da 7,9 miliardi a 9,3 miliardi).

Di conseguenza, la quota delle rimesse esterne all‘Ue, complessivamente, è cresciuta dal 59% del 2004 al 71% del 2008.

I due terzi delle rimesse dei lavoratori dell‘Unione Europea sono provenute da Spagna (7,8 miliardi, il 25% del totale del blocco), Italia (6,4 miliardi, il 20%), Francia (3,4 miliardi, l‘11%) e Germania (3,1 miliardi, il 10%).

Dei 6,4 miliardi di euro di rimesse complessive che, nel 2008, hanno riguardato l‘Italia, 1,2 miliardi sono stati destinati a paesi appartenenti all‘Unione Europea, mentre le rimesse verso paesi extracomunitari sono ammontate a 5,2 miliardi di euro.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below