8 febbraio 2010 / 17:05 / tra 8 anni

Toyota, da domani richiamo Prius, a Detroit riaprono impianti

TOKYO/DETROIT (Reuters) - Toyota si prepara a dare il via al richiamo su scala globale della nuova Prius, misura precauzionale che dovrebbe partire già domani in Giappone, per poi estendersi nei giorni successivi a Stati Uniti, Europa e altri mercati.

<p>Un manifesto che pubblicizza la Prius della Toyota. REUTERS/Yuriko Nakao</p>

Mentre a Detroit, dopo una settimana di chiusura, gli impianti hanno ripreso la produzione degli otto modelli coinvolti negli otto milioni di vetture richiamate nelle scorse settimane, la necessità del nuovo provvedimento è un ulteriore colpo all‘immagine e alla reputazione della casa automobilistica del Sol Levante.

I modelli di Prius venduti sono 200.000 in Giappone, 103.200 negli Usa e circa 29.000 in Europa.

Mercoledì il Ceo americano della casa, Yoshimi Inaba, renderà testimonianza al Congresso di Washington insieme al ministro dei Trasporti Ray Lahood e al responsabile del traffico e della sicurezza stradale, David Strickland. Il costruttore giapponese è accusato di una risposta poco tempestiva ai problemi di accelerazione incontrollata dei veicoli, che hanno causati 19 morti per incidenti negli Usa.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below