14 gennaio 2010 / 08:49 / 8 anni fa

Borse Asia Pacifico rimbalzano dopo cali vigilia

MILANO (Reuters) - Le borse dell‘area Asia-Pacifico hanno rimbalzato oggi con l‘affievolirsi dei timori di un impatto sulla domanda cinese del restringimento della politica monetaria di Pechino, mentre buoni dati occupazionali in Australia hanno incrementato le aspettative di un innalzamento dei tassi a febbraio spingendo il dollaro australiano.

<p>Trader della Borsa di Shanghai in una foto d'archivio. REUTERS/Stringer Shanghai</p>

Aiutato anche dal rialzo registrato ieri da Wall Street, l‘indice MSCI, che esclude il Giappone, sale intorno alle 8,20 dell‘1,15%.

A SYDNEY la borsa sale dello 0,6%, sotto i massimi di giornata, grazie ai rialzi dei titoli minerari e bancari, mentre il dato superiore alle attese sull‘occupazione di dicembre ha alzato le chance di un imminente aumento dei tassi dando forza alla valuta locale e deprimendo lo yen. Nel settore delle materie prime brilla in particolare Rio Tinto, che ha superato le precedenti stime sull‘estrazione di ferro per il quarto trimestre.

SHANGHAI, sceso ieri di oltre il 3% dopo la decisione della banca centrale di alzare le riserve obbligatorie delle banche, ha recuperato oggi l‘1,35% con il rimbalzo di finanziari e immobiliari.

Bene TAIWAN, dove spicca il rialzo di Acer, che ha visto un incremento della sua quota di mercato nel quarto trimestre 2009.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

Top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below