13 gennaio 2010 / 09:41 / 8 anni fa

Antonveneta, ex governatore Fazio: non fui stratega occulto

MILANO (Reuters) - L‘ex governatore della Banca d‘Italia Antonio Fazio, imputato per aggiotaggio nel processo in corso a Milano sulla fallita scalata ad Antonveneta, ha smentito oggi in aula di essere stato l‘artefice “occulto” dell‘operazione.

<p>L'ex governatore di Bankitalia Antonio Fazio. REUTERS PICTURE</p>

L‘ex governatore, che ha ribadito di aver sempre agito nel rispetto delle regole ma ha anche replicato con tanti “non ricordo” alle domande dei pm, ha accusato di falsità Gianpiero Fiorani, l‘ex AD dell‘allora Banca Popolare di Lodi, che tentò la scalata alla banca ed è tra gli oltre 15 imputati nel processo.

“Con Fiorani c‘era fiducia e simpatia in origine. Approfittando di questo, Fiorani ha ordito trame fraudolente”, ha dichiarato Fazio. “Fiorani...non mi ha mai parlato di acquisti occulti di partecipazioni in Antonveneta”, ha aggiunto l‘ex governatore.

Nel processo nato dalla fallita scalata dell‘allora Popolare di Lodi -- ora confluita in Banco Popolare -- all‘Antonveneta, sono rimasti 17 imputati, oltre a Fazio, dopo che hanno patteggiato in 64 (58 persone fisiche e 6 società coinvolte) e sono stati confiscati dallo Stato circa 326 milioni di euro come profitti frutto di illecito.

L‘udienza di oggi, conclusasi intorno alle 17, è stata aggiornata al prossimo 27 gennaio, quando dovrebbe essere interrogato Fiorani. Per quella data è atteso però uno sciopero degli avvocati.

“ABITUDINE AVVISARE BANCHIERI”

La procura sostiene che la tentata scalata avvenne in dispregio delle normative che regolano la materia e si avvalse di un concerto occulto di imprenditori e società vincolate a un patto segreto con la banca di Fiorani e del sostegno, che ritiene esercitato in modo illegittimo, di Fazio.

La maggior parte degli accusati ha sempre respinto le accuse.

Interrogato dal pm Eugenio Fusco, Fazio ha ammesso di aver avvisato Fiorani il giorno prima di una ispezione da parte della Banca d‘Italia, spiegando che avvisare i banchieri di un controllo imminente era quasi una consuetudine.

“E piuttosto usuale”, ha detto Fazio, aggiungendo di averlo fatto in precedenza anche con l‘allora presidente di Capitalia Cesare Geronzi, oggi presidente di Mediobanca.

Fra gli imputati, accusati a vario titolo di associazione a delinquere, aggiotaggio, insider trading, ostacolo all‘attività di vigilanza e appropriazione indebita, oltre a Fiorani, l‘ex numero uno di Unipol Giovanni Consorte e l‘immobiliarista Luigi Zunino.

“NON RICORDO”

Alle domande dei pm, Fazio oggi -- dopo aver reso in mattinata dichiarazioni spontanee -- ha spesso risposto in maniera vaga, evitando di scendere nei dettagli e dicendo di non ricordare particolari di incontri e telefonate.

I pm gli hanno fatto una serie di domande su argomenti specifici, tra cui quella sul lobbismo politico per evitare che con la legge sul risparmio venisse dato un limite temporale alla carica di governatore di Bankitalia.

Fazio ha spiegato che Fiorani “si era sempre espresso a favore di non mettere un termine alla carica di governatore”, aggiungendo però di “non sapere niente” del fatto che il banchiere stesse cercando di farsi portavoce tra i politici per sostenere questa ipotesi.

Fazio ha poi ammesso una serie di incontri avuti con Fiorani, il senatore del Pdl Luigi Grillo e il deputato della Lega Nord Giancarlo Giorgetti.

In particolare, il pm ha ricordato a Fazio di come Giorgetti lo ringraziò quando Fiorani salvò Credieuronord, la banca della Lega con un unico sportello e carica di debiti.

Fazio in aula ha minimizzato il fatto, precisando che si trattava “di un solo sportello” e che Fiorani la rilevò “per fare un affare”.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below