7 gennaio 2010 / 10:11 / tra 8 anni

Ryanair esclude nuova offerta su Aer Lingus

DUBLINO (Reuters) - La compagnia aerea irlandese Ryanair ha definito “altamente improbabile” una terza offerta sul concorrente Aer Lingus.

<p>Velivoli della Aer Lingus all'aeroporto di Dublino. REUTERS/Paul McErlane/Files</p>

Il vettore low-cost irlandese, che ha già lanciato due offerte senza successo su Aer Lingus, ha smentito le notizie di stampa che davano per probabile una nuova offerta.

“In assenza di una decisione da parte del governo irlandese sulla vendita della sua quota del 25%, una terza offerta di Ryanair resta altamente improbabile”, ha detto la compagnia di Michael O‘Leary in una nota diffusa prima di un incontro con gli investitori.

Ryanair ha aggiunto che prevede di distribuire dividendi agli azionisti dal 2013, come parte della sua strategia di ridurre le spese in conto capitale di oltre il 90%, dopo essersi ritirata il mese scorso dalla trattativa per l‘acquisto di 200 aerei di Boeing.

Ryanair -- che ha annunciato un traffico passeggeri in crescita a dicembre del 12% e l‘obiettivo di raggiungere un totale di oltre 66 milioni nell‘anno fiscale alla fine di marzo -- è ai ferri corti in Italia per una vertenza con l‘Enac sul tipo di documenti di identità che i passeggeri sui voli nazionali possono presentare ai check-in italiani.

Il vettore irlandese, che oggi incontrerà i vertici Enac a Roma nel tentativo di trovare un accordo sulla questione, ha annunciato che dal 23 gennaio sospenderà i suoi voli nazionali su 10 scali italiani finché l‘Enac non accetterà le sue condizioni, ovvero di consentire l‘imbarco di passeggeri muniti solo di carta d‘identità o passaporto, adducendo ragioni di sicurezza internazionale.

Alcuni analisti ritengono che dietro la decisione di Ryanair di sospendere i voli domestici italiani vi possano essere ragioni di natura economica.

Il presidente dell‘Enac Vito Riggio ha detto in un‘intervista a Reuters che sta valutando un‘azione legale per calunnia contro Ryanair, aggiungendo che la sicurezza negli scali italiani è certificata da organismi internazionali.

Il ministro dei Trasporti Altero Matteoli ha detto oggi in un‘intervista a La Stampa che Ryanair deve rispettare le regole sui documenti imposte dall‘Enac e che su questo “non sono possibili mediazioni”.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below