4 gennaio 2010 / 10:14 / tra 8 anni

Italia, inflazione 2009 +0,8%, minima da 50 anni

di Elisa Anzolin

<p>Shopping in una strada romana. REUTERS/Alessia Pierdomenico</p>

MILANO (Reuters) - La leggera crescita registrata dai prezzi al consumo a dicembre non ha invertito il debole trend del 2009, che si è concluso con un‘inflazione media annua di appena lo 0,8%, in discesa di due punti e mezzo rispetto al +3,3% del 2008. Si tratta del tasso di crescita più basso dal 1959, quando si registrò un calo dello 0,4%. E’ quanto emerge dalle stime preliminari dell‘Istat.

Secondo l‘Isae e gli analisti consultati da Reuters nel 2010 l‘inflazione potrebbe però registrare nuovi aumenti.

“L‘andamento dell‘indicatore destagionalizzato suggerisce che all‘inizio del 2010 la dinamica dei prezzi potrebbe registrare nuovi aumenti. Nei primi mesi dell‘anno, del resto, si concentrano usualmente gli adeguamenti per diverse voci dei bilanci delle famiglie”, spiega la nota dell‘Isae a commento dei dati Istat, ricordando tra gli altri l‘aumento del canone Rai (+1,4%), delle tariffe del gas (+2,8) e dei pedaggi autostradali.

L‘aumento dell‘inflazione non desta però preoccupazione. “Nel corso del 2010 ci attendiamo che l‘inflazione ritorni sopra l‘1%. La stima media annua nel 2010 è all‘1,5%. Si tratta di un graduale ritorno di una dinamica dei prezzi al consumo in territorio positivo, ma che non va vista in termini allarmistici”, spiega Annamaria Grimaldi di Intesa Sanpaolo.

Secondo le stime provvisorie dell‘Istat, a dicembre l‘indice Nic è salito dello 0,2% su mese e dell‘1% su anno, accelerando rispetto a novembre, quando era rimasto stabile in termini congiunturali ed era salito dello 0,7% su base annua.

Il dato si è rivelato leggermente al di sopra del consensus Reuters, che aveva previsto un rialzo dello 0,1% sul mese precedente e dello 0,9% su dicembre 2008.

L‘indice armonizzato Ipca ha segnato in dicembre una variazione di +0,2% su mese e di +1,1% su anno (dal +0,1%, +0,8% del mese precedente). L‘Ipca sale nel 2009 dello 0,8% dal +3,5% dell‘anno precedente.

E’ previsto per domani il dato sull‘inflazione a livello europeo. Il consensus Reuters vede un aumento a dicembre dello 0,9% su base annua, rispetto allo 0,5% di novembre. Se venisse confermata questa previsione, l‘inflazione italiana si confermerebbe lievemente al di sopra della media europea.

SCOMPARSO EFFETTO BASE ENERGIA FAVOREVOLE

Secondo gli analisti, l‘aumento del Cpi a dicembre è da imputare soprattutto alla scomparsa dell‘effetto base favorevole della componente energetica visto nella prima parte dell‘anno, all‘aumento della tassazione di alcuni prodotti e a fattori stagionali.

“Buona parte dell‘incremento è dovuto al venir meno dell‘effetto base dell‘energia che ha tenuto molto bassa l‘inflazione nei primi 8-9 mesi del 2009”, spiega la Grimaldi.

Il maggior avanzamento è stato registrato dalla voce “bevande alcoliche, tabacco”, in crecita dell‘1,8% su base mensile e del 4,4% su base annua. “C’è un aumento su bevande alcoliche e tabacco, sicuramente legato a un aumento della tassazione anche se resta da vedere se sia dovuto alla parte tabacco o a quella alcol”, spiega Marco Valli di Unicredit. L‘economista sottolinea inoltre la “decelerazione della componente alimentari”, che resta invariata su mese e cresce solo dello 0,4% su base tendenziale.

“Il rialzo su base mensile è stato guidato soprattutto dai tabacchi e dalla parte relativa ai divertimenti” sottolinea Carmela Pace di Mps Capital Services. Per l‘economista, inoltre, la discesa della voce “elettricità, acqua, combustibile” è solo temporanea: “C’è stato un calo delle utilities, ma per gennaio è previsto un nuovo aumento dei prezzi” spiega.

Un discreto rialzo è stato registrato anche dai trasporti, in crescita dello 0,5% su base mensile e del 2,2% su base annuale.

- ha collaborato da Roma Giuseppe Fonte

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below