15 dicembre 2009 / 10:00 / tra 8 anni

Fiat, cinese Chery nega interesse per Termini Imerese

SHANGHAI (Reuters) - Chery Automobile, la maggiore casa automobilistica cinese, ha negato l‘intenzione, ventilata ieri dalla stampa italiana, di rilevare lo stabilimento Fiat di Termini Imerese.

<p>Impiegata di Chery Automobile nella catena di montaggio di Wuhu, nella provincia di Anhui. REUTERS/Stringer</p>

In un‘intervista riportata dal sito internet locale Sohu.com, il presidente Yin Tongyao ha dichiarato: “Mi è stato detto che media stranieri riportano che avremmo comprato uno stabilimento Fiat. Non è così”, ha spiegato Yin secondo quanto ripotato dal sito web. L‘ipotesi di trattative con i cinesi per una cessione dell‘impianto di Termini Imerese era stata riportata ieri da La Repubblica.

In generale, Yin ha escluso per la caca automobilistica acquisizioni oltreoceano nonostante i numerosi approcci ricevuti.

Ieri, in un‘intervista a Reuters, il presidente di Fiat Luca Cordero di Montezemolo ha dichiarato che il gruppo torinese non cerca partner in Asia.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below