9 dicembre 2009 / 10:25 / 8 anni fa

Greggio risale sopra 73 dollari dopo inatteso calo scorte Usa

LONDRA (Reuters) - Le quotazioni del greggio si spingono sopra 73 dollari al barile negli scambi europei, dopo diversi giorni di flessione, sostenute dal deciso ridimensionamento delle scorte negli Stati Uniti e dalla debolezza del dollaro.

<p>Immagine d'archivio di un campione di greggio. REUTERS/Miraflores Palace/Handout (VENEZUELA)</p>

Ieri l‘American Petroleum Institute (API) ha reso noto che, contrariamente alle previsioni, le scorte di greggio del primo consumatore mondiale di petrolio sono diminuite di 5,8 milioni di barili settimana scorsa grazie a un aumento della produzione di carburante.

Il derivato sul petrolio statunitense con scadenza gennaio, poco dopo le 11, avanza di 86 centesimi a 73,48 dollari dopo aver perso 1,31 dollari ieri. Le quotazioni al NYMEX, scese ai minimi da fine novembre di 72,43 dollari lunedì, hanno perso oltre il 7% questo mese. Il derivato sul Brent a Londra si apprezza di 60 centesimi circa a 75,8 dollari.

Le perdite degli ultimi cinque giorni sono state in parte dovute all‘apprezzamento del dollaro. Stamani il biglietto verde arretra dello 0,45% nel cambio con un paniere delle principali valute.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

Top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below