1 dicembre 2009 / 11:18 / 8 anni fa

Eni, Scaroni si aspetta fine iter approvazione Uganda a gennaio

ROMA (Reuters) - L‘amministratore delegato di Eni, Paolo Scaroni, si aspetta che entro gennaio sia concluso l‘iter di approvazione dell‘offerta del gruppo italiano per i blocchi rilevati in Uganda da Heritage Oil per 1,5 miliardi di dollari.

<p>Scaroni in una foto d'archivio. REUTERS/Daniele La Monaca</p>

“E’ un po’ un cammino a ostacoli”, ha detto Scaroni ai giornalisti a margine di un convegno. “Heritage deve valutare se non ci siano offerte migliori. Bisogna vedere se Tullow esercita il suo diritto di prelazione e l‘opinione del governo ugandese su tutta l‘operazione. Quindi ci attendiamo che tutte queste fasi arrivino a compimento entro il mese di gennaio”.

Alla domanda quali sarebbero le conseguenze per Eni dell‘esercizio del diritti di prelazione di Tullow sui blocchi per i quali il gruppo italiano ha presentato l‘offerta, Scaroni ha risposto: “Non c’è più la materia del contendere. Anche sull‘esercizio di prelazione deve esprimersi il governo ugandese”.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below