25 novembre 2009 / 10:57 / tra 8 anni

Ministro Fitto: governo studia ipotesi Autorità controllo acqua

ROMA (Reuters) - Il governo sta valutando l‘ipotesi di istituire una autorità sull‘acqua per la quale sono sul tappeto varie opzioni, ha detto oggi il ministro per gli Affari regionali Raffaele Fitto.

<p>Un rubinetto. REUTERS/Eric Thayer (UNITED STATES ENVIRONMENT BUSINESS)</p>

“In queste ore c’è una riflessione nel governo sul tema della regolamentazione. Si pensa se possa essere una autorità indipendente o il rafforzamento di una autorità preesistente o il rafforzamento dei poteri di controllo del ministero dell‘Ambiente in raccordo con il potere autonomo delle Regioni e degli enti locali”, ha spiegato Fitto intervenendo a una conferenza di Business International.

Il ministro ha anche confermato che varerà entro l‘anno il regolamento attuativo delle norme sulla liberalizzazione dei servizi pubblici locali previsto dal decreto Ronchi anti infrazioni Ue recentemente approvato dal Parlamento.

Intervenendo alla stessa conferenza, il Garante per la Concorrenza ha espresso perplessità sulla nuova Authority invitando il governo a riflettere prima di creare “un nuovo carrozzone”.

“Sull‘Autorità per i servizi idrici e in generale per i servizi pubblici locali siamo molto perplessi. Pensiamo che il sistema delle Authority debba essere ridotto nel numero e che le funzioni debbano tornare alla politica, questo sicuramente per i servizi pubblici”, ha detto Antonio Catricalà.

Secondo l‘Antitrust dovrebbe essere il Coviri, il Comitato per la vigilanza sull‘uso delle risorse idriche, a definire tariffe e standard di qualità.

“Sfrutterei l‘esistente Coviri, un comitato presso il ministero dell‘Ambiente che è fatto di gente competente, che esprime pareri sulle tariffe che possono essere tradotti in Dpcm con procedure di garanzia per le autonomie locali”.

Toccherebbe poi agli Ato, organismi locali che devono definire per legge l‘organizzazione del servizio idrico, verificare il rispetto dei contratti di servizio e, “nel caso, ai prefetti”, ha continuato Catricalà.

“Non creiamo un nuovo carrozzone, lasciamo lavorare le autonomie locali”, ha concluso il Garante.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below