25 novembre 2009 / 08:42 / 8 anni fa

Italia, fiducia consumatori novembre sopra attese

di Roberta Giaconi

<p>Una ragazza fa la spesa in un supermarket. REUTERS/Sergei Karpukhin (RUSSIA FOOD DRINK AGRICULTURE SCI TECH BUSINESS)</p>

MILANO (Reuters) - L‘indice sulla fiducia dei consumatori italiani elaborato da Isae segna a novembre una lettura sopra le attese, ma gli economisti invitano alla cautela: il dato è positivo, ma poco significativo dal punto di vista della ripresa e dei consumi.

“Il dato è più forte delle attese, ma non è sorprendente”, commenta l‘economista di Unicredit Mib Marco Valli. “Credo abbia avuto un impatto positivo l‘annuncio che l‘Italia sia uscita dalla recessione”.

L‘indice è tornato a novembre su livelli molto elevati per gli ultimi 7-8 anni, a quota 112,8. Una lettura superiore sia rispetto al 111,7 di ottobre sia alle previsioni Reuters in una forchetta tra 110 e 112,5 con una mediana a 111,7.

L‘USCITA DALLA RECESSIONE, LA FIDUCIA NELLA RIPRESA

Nei dettagli la parte del leone è stata giocata dalla componente sull‘outlook economico generale, salita a 93,7 da 88,5, ai massimi dal maggio 2007.

“C’è da notare però che, per quello che riguarda le opinioni sulla propria situazione personale, il quadro è un po’ meno ottimista”, precisa Luigi Speranza, economista di Bnp Paribas, facendo riferimento al lieve calo da 121,9 a 121,6 dell‘outlook economico personale.

“Nello spaccato, tra le aspettative e la situazione corrente, il miglioramento è stato guidato dalle aspettative”, aggiunge Valli.

I consumatori hanno accolto con fiducia l‘annuncio dell‘uscita dell‘Italia dalla recessione, ma non ne vedono ancora un riflesso nella vita quotidiana. Anzi, peggiorano le opinioni sul bilancio familiare e le famiglie continuano a mantenersi prudenti sugli acquisti di beni durevoli.

Soltanto ieri il ministro dell‘Economia Giulio Tremonti ha previsto una crescita del prodotto interno lordo italiano dell‘1% o anche di più nel 2010, rispetto al +0,7% indicato nell‘ultima proiezione ufficiale.

L‘Italia è uscita dalla recessione tecnica nel terzo trimestre con un Pil in crescita dello 0,6% su base congiunturale.

L‘outlook semestrale dell‘Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse), pubblicato pochi giorni fa, ha nettamente rivisto al rialzo le stime per l‘Italia, indicando per il 2010 un +1,1% che permetterebbe al paese di fare meglio della zona euro vista in crescita di 0,9%.

“Stanno migliorando in particolare le opinioni presenti e prospettiche sulla situazione economica del paese, si alleggeriscono le tensioni sul mercato del lavoro e recuperano le capacità future di risparmio”, si legge nella nota Isae.

IN ATTESA DELLA SVOLTA DEI CONSUMI

Gli economisti mettono però in guardia contro un‘interpretazione troppo ottimista del dato.

“Purtroppo l‘indice Isae di fiducia dei consumatori è un indicatore strano che ha un grado di correlazione piuttosto basso con la dinamica dei consumi”, commenta Paolo Pizzoli, economista di Ing Financial Markets.

Una tenuta, aggiunge, “sarà legata alla resistenza del mercato del lavoro e alla dinamica stessa dell‘inflazione, in particolare di quella legata all‘acquisto dei beni più frequenti”.

Cautela quindi anche sull‘apparente marcato miglioramento dell‘Italia rispetto a altri paesi della zona euro dove l‘indice sulla fiducia dei consumatori è più strettamente correlato alla spesa per i consumi.

Quest‘anno gli incentivi auto hanno contribuito agli acquisti, ma c’è il rischio che la spinta si esaurisca nel 2010 se non verranno rinnovati.

A fine settembre, nella relazione previsionale programmatica, il ministero dell‘Economia aveva previsto per il 2009 una flessione dei consumi finali nazionali dell‘1,1%, per un rialzo dello 0,4% nel 2010.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano.

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below