9 novembre 2009 / 17:06 / 8 anni fa

Borsa Milano in netto rialzo, Unicredit +5%,giù Impregilo,Fonsai

MILANO (Reuters) - Piazza Affari archivia in deciso rialzo una seduta vissuata interamente in territorio positivo, caratterizzata da un‘accelerazione dopo l‘avvio di Wall Street.

<p>La sede della Borsa di Milano. REUTERS/Stefano Rellandini</p>

Gli operatori sottolineano come l‘esito del vertice del G20, che si è tenuto nel week-end scorso, abbia rassicurato gli investitori e favorito i mercati azionari. “Il G20 ha tranquillizzato tutti”, sintetizza un‘operatrice.

Ne hanno beneficiato soprattutto i comparti ciclici, finanziari ed energetici in testa.

In chiusura, l‘indice FTSE Mib ha guadagnato il 2,29%, riportandosi sopra quota 23.000 punti (23.065,93 la chiusura, 23.082,33 punti il massimo intraday). L‘AllShare è salito del 2,19% e il MidCap dell‘1,48%.

Scambi per un controvalore di circa 2,1 miliardi di euro.

* Bene le banche: il paniere europeo è avanzato del 2,32%. UNICREDIT (+5,33%) ha trainato il gruppo, sebbene con volumi non straordinari. I trader forniscono motivazioni articolate sul balzo dell‘istituto guidato da Alessandro Profumo. Un dealer parla di “attesa per i risultati del terzo trimestre”, che verranno comunicati l‘11 novembre prossimo e che “dovrebbero essere superiori alle attese”. Un secondo operatore ricorda “l‘ok della Fondazione Crt all‘aumento di capitale”. Un terzo trader fa riferimento a uno studio della stessa UniCredit, da Vienna, in cui si afferma che le economie emergenti europee rimbalzeranno nel 2011, “quando il credito aumenterà del 15% e sorpasserà i tassi di crescita del 2008”.

* Sulla scia di Piazza Cordusio si sono mossi gli altri bancari. POP MILANO, in particolare, ha guadagnato il 4,26%. Un trader cita “un report di Citigroup” sui risultati del terzo trimestre, che verranno pubblicati domani.

* Segno più anche per MONTEPASCHI (+2,31%), BANCO POPOLARE (+1,74%) e UBI BANCA (+2,54%).

* Seduta in denaro per gli energetici, sostenuti dalla ripresa della corsa delle quotazioni del greggio: lo stoxx europeo è salito del 2,02%. A Milano, SAIPEM - che è in short-list per la costruzione di un rigassificatore in Polonia - è avanzata del 3,4%, TENARIS del 3,84% ed ENI dell‘1,86%.

* Molto tonica in mattinata, PARMALAT ha rallentato nella seconda parte della giornata, terminando in rialzo del 2,11%. Diversi broker hanno incrementato giudizi e target price dopo i risultati dei primi nove mesi.

* FONDIARIA-SAI è caduta del 2,86% dopo aver comunicato i risultati dei primi nove mesi. “Il nodo è l‘azzeramento dell‘utile”, spiega un‘operatrice.

* Restando agli assicurativi, GENERALI tonica (+2,34%) nella giornata in cui KBW ne ha alzato il rating a “market perform”.

* MEDIASET ha messo a segno un progresso dell‘1,71% alla vigilia della pubblicazione dei risultati dei primi nove mesi. Secondo un sondaggio Reuters, gli analisti si attendono un calo dei ricavi del 12% e dell‘utile netto del 52%.

* IMPREGILO ha perso il 4,22% dopo che aver tagliato le previsioni in termini di margini e dopo il calo del fatturato nei 9 mesi.

* ITALCEMENTI depressa (-1,6%) dopo la pubblicazione dei risultati del terzo trimestre. Segno meno anche per BUZZI UNICEM: -1,12%.

* Fra le mid cap, L‘ESPRESSO è balzata del 10,26% grazie a giudizi positivi di alcuni broker. In scia altri editoriali, segno, secondo un trader, che “è in atto una rotazione settoriale da parte di qualche istituzionale”. RCS MEDIAGROUP è salita del 6,32%

* BANCA PROFILO ha guadagnato il 6,92% dopo l‘annuncio della chiusura con successo dell‘aumento di capitale.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below