7 novembre 2009 / 10:22 / tra 8 anni

Pacchetto clima, Gb chiede a G20 diviso intesa su fondi

ST ANDREWS, Scozia (Reuters) - Seconda giornata di lavori al G20 finanziario scozzese, in cui il padrone di casa Alistair Darling chiede ai colleghi di intensificare gli sforzi per arrivare a un‘intesa sui 100 miliardi di dollari da dedicare al finanziamento della lotta ai cambiamenti climatici, tema di cui i paesi emergenti non intendono parlare.

<p>Il ministro delle Finanze inglese Alistair Darling. REUTERS/Andrew Winning</p>

La riunione di ministri finanziari e banchieri centrali di ieri e oggi discute inoltre del progresso dell‘economia globale e della cosiddetta ‘cornice’ di Pittsburgh, uno schema disegnato per la prevenzione di future crisi come quella di cui soltanto di recente si è superato il punto più grave.

Sul delicato tema del pacchetto clima, Londra punta all‘ambizioso obiettivo di un accordo sull‘ammontare dei fondi da qui al 2020 prima del vertice di Copenhagen il mese prossimo.

“Credo sia realmente imperativo dimostrare di aver raggiunto qualche progresso concreto”, dice il cancelliere dello scacchiere prima dell‘apertura dei lavori di questa mattina.

“Se non c’è un accordo sul finanziamento... un‘intesa a Copenhagen diventa molto, molto più difficile” aggiunge.

Scarse però le possibilità di reali passi avanti, con molti dei paesi emergenti che mettono in dubbio la necessità stessa di trattare l‘argomento in sede G20 come emerso a settembre.

“Il tema è se dibatterne o meno: la Gran Bretagna è piuttosto motivata ma ci sono obiezioni altrettanto forti. I paesi emergenti sostengono che non se ne dovrebbe discutere per motivi procedurali, dal momento che il G20 non è la sede per farlo” spiega un funzionario francese.

Secondo un‘altra fonte delle delegazioni inoltre i paesi europei - soprattutto Regno Unito e Svezia, presidente di turno dell‘Unione - stanno premendo perché un riferimento al pacchetto clima appaia nel comunicato finale del G20 finanziario, scontrandosi però con “il muro Bric”, vale a dire il gruppo dei principali paesi emergenti costituito da Brasile, Russia, India e Cina.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below