30 ottobre 2009 / 11:46 / 8 anni fa

Greggio tira il fiato sotto 80 dollari/barile dopo rally 3% ieri

LONDRA (Reuters) - Le quotazioni del greggio galleggiano sotto gli 80 dollari al barile stamani, tirando il fiato dopo l‘allungo del 3% di ieri innescato dalla robusta crescita del Pil statunitense nel terzo trimestre.

<p>Immagine d'archivio di un campione di greggio. REUTERS/Miraflores Palace/Handout (VENEZUELA)</p>

Oggi tornano invece a dominare i dubbi di quanti temono che i prezzi del greggio abbiano corso oltre i fondamentali della domanda e dell‘offerta.

L‘economia del primo consumatore mondiale di petrolio è cresciuta ad un tasso annualizzato del 3,5% nel periodo luglio-settembre, oltre le stime di un‘espansione del 3,3%.

Intorno a mezzogiorno il derivato sul greggio Usa con scadenza dicembre cede 40 centesimi circa a 79,46 dollari il barile dopo essere stato scambiato sopra il livello chiave di 80 dollari a inizio seduta. Il futures sul Brent londinese perde circa 50 cent a 77,50 dollari.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below