29 ottobre 2009 / 11:14 / 8 anni fa

Banche, Draghi chiede "drastica semplificazione" commissioni

ROMA (Reuters) - Il governatore di Bankitalia Mario Draghi sollecita “una drastica semplificazione” della struttura delle commissioni bancarie.

<p>Operazioni di prelievo. REUTERS/STR New</p>

Intervenendo alla 85° Giornata mondiale del Risparmio, il governatore cita una rilevazione di Bankitalia per la quale “le voci di costo introdotte quest‘anno a seguito degli interventi del legislatore sono in media meno onerose per la clientela rispetto alla situazione pregressa”. Tuttavia, aggiunge Draghi, “in circa un quarto dei casi esaminati le nuove commissioni risultano più costose di quelle in essere a fine 2008”.

“Occorre che le banche attuino al più presto una drastica semplificazione, una volta per tutte, della struttura delle commitment fee”, ha detto Draghi.

Il governatore ricorda poi che dal mese di agosto le norme anti usura prevedono l‘inclusione di tutti gli oneri a carico del cliente, compresa la commissione di massimo scoperto.

“Per talune categorie di operazioni l‘inclusione esplicita di questi nuovi oneri incide in misura rilevante, determinando tassi soglia più elevati rispetto al passato e più rappresentati delle condizioni economiche applicate alla clientela. Questo consentirà di contrastare prassi elusive delle soglie anti usura, nonché di contenere l‘entità dei costi accessori”, ha spiegato Draghi.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below