29 ottobre 2009 / 08:27 / tra 8 anni

Borsa Milano brillante dopo Pil Usa, ok automotive e finanziari

MILANO (Reuters) - Piazza Affari archivia in rialzo una seduta incentrata sul Pil Usa del terzo trimestre. La crescita oltre le attese dell‘economia a stelle e strisce ha rafforzato la tendenza positiva che traspariva timidamente in mattinata.

<p>Un passante davanti a uno schermo con le quotazioni di borsa a Milano. REUTERS/Stefano Rellandini ( ITALY )</p>

Rimbalzo dei settori ciclici, in sofferenza nelle ultime sedute. Al palo, invece, i difensivi. Male Eni, penalizzata dal taglio della stima di produzione di idrocarburi.

“Non è stato un dato sorprendente, quello del Pil Usa, perché non ha superato di molto le previsioni”, commenta Alfredo Granata, responsabile delle gestioni patrimoniali di Banca Finnat. “Speriamo che l‘intonazione positiva possa durare, altrimenti saremmo di fronte alla conferma che il mood dei mercati è tornato negativo”.

In chiusura, l‘indice FTSE Mib ha guadagnato il 2,05%, l‘AllShare il 2,1% e il MidCap il 3,12%. Volumi per un controvalore di circa 3,6 miliardi di euro.

* A picco ieri, l‘automotive è stato protagonista di un rally: il paniere europeo è salito del 3,42%. A Milano, FIAT è balzata del 5,88%, riconquistando quota 10 euro. Volumi pari a circa il doppio della media. In scia la controllante EXOR: +5,65%. PIRELLI (+4,72%) ha beneficiato, secondo gli operatori, dell‘outlook sul quarto trimestre fornito dalla tedesca Continental. Fra le small e mid cap, COBRA +9,72%, SOGEFI +8,7%, BREMBO +5,87% e PIAGGIO +6,05%.

* Tornano a salire le quotazioni delle banche: lo stoxx europeo ha messo a segno un progresso del 3,69%. UNICREDIT interrompe la serie di sette sedute consecutive in lettera e guadagna il 4,06%. Brillanti POP MILANO (+5,04%) e BANCO POPOLARE (+4,26%).

* Fuori dal paniere principale, BANCA ITALEASE è avanzata del 16,27%: ieri, il cda del Banco Popolare ha stabilito che l‘aumento di capitale per 1,2 miliardi avrà luogo mediante emissione a pagamento, con eventuale sovrapprezzo, di azioni ordinarie da offrire in opzione agli azionisti.

* Particolarmente toniche le società attive nel risparmio gestito: un trader ricorda “le parole di (Giulio) Tremonti sul rientro dei capitali con lo scudo fiscale”. MEDIOLANUM è salita del 5,13%, AZIMUT +7,22% e BANCA GENERALI del 5,27%.

* Pioggia di denaro sugli assicurativi, che nei giorni scorsi avevano pagato dazio al tracollo di Ing: lo stoxx europeo è salito del 2,99%. A Piazza Affari, UNIPOL +5,62% e FONDIARIA SAI +4,88%.

* In rosso per gran parte della giornata, dopo la pubblicazione della trimestrale, ENI ha terminato invariata (+0,11%). Gli operatori spiegano la debolezza con la delusione per il taglio delle stime sulla produzione.

* Poco sopra la parità gli altri energetici, in particolare le utilities, e i titoli tradizionalmente difensivi, come PARMALAT (+0,81%) e FINMECCANICA (+0,51%).

* TELECOM ITALIA poco mossa, +0,51%, il giorno dopo il rinnovo del patto di sindacato di Telco.

* Bene il settore tessile-moda e il lusso. LUXOTTICA ha messo a segno un progresso del 3,56%: l‘AD Andrea Guerra ha detto di guardare al 2010 con fiducia. Meglio BULGARI: +6,52%. Fuori dal paniere principale, ANTICHI PELLETTIERI +10,65%, SAFILO +8,65% e CSP +7,9%.

* Tra le mid cap, RCS MEDIAGROUP è balzata del 7,63%. Il presidente di Mediobanca, Cesare Geronzi, ha detto che Giuseppe Rotelli ha il 15% del capitale del gruppo editoriale, mentre l‘interessato, interpellato sulla sua quota, ha parlato dell‘11,08% dei diritti di voto di Rcs.

* Buoni spunti per gli industriali ciclici. Fra questi, ELICA ha guadagnato il 14,88%: Cassa Lombarda ha incrementato il rating a ‘buy’ da ‘hold’, dicendo di attendersi una crescita dell‘utile nel terzo trimestre.

* SEAT PAGINE GIALLE è avanzata dell‘11,62%, muovendosi in sintonia, è l‘interpretazione di un trader, con la concorrente britannica Yell, che ha segnato una tappa fondamentale nel processo di ristrutturazione del debito.

* Fra le società che hanno comunicato i risultati trimestrali, SORIN +5,88% e INDESIT +6,53%.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below