27 ottobre 2009 / 14:39 / tra 8 anni

Lodo Mondadori,disposta sospensione provvisoria sentenza

MILANO (Reuters) - Il presidente della Seconda Sezione della Corte d‘Appello di Milano ha disposto oggi, in via provvisoria, la immediata sospensione - fino al primo dicembre prossimo - dell‘efficacia esecutiva della sentenza emessa dal Tribunale di Milano che condanna Fininvest a pagare 750 milioni di euro a Cir nell‘ambito del contenzioso sul Lodo Mondadori.

<p>L'aula di un tribunale. REUTERS</p>

Il primo dicembre è stata fissata l‘udienza in Camera di Consiglio per la decisione definitiva sull‘istanza, che è stata presentata da Fininvest e che ha annunciato anche il ricorso in appello.

Lo dice una nota della società che fa capo alla famiglia Berlusconi. I legali di Cir “prendono atto del provvedimento” e si preparano l‘udienza, “in cui la questione sarà riesaminata e discussa nel contraddittorio delle parti”.

Il 3 ottobre il Tribunale di Milano aveva condannato in primo grado la holding della famiglia Berlusconi a pagare quasi 750 milioni di euro alla Cir di Carlo De Benedetti come risarcimento danni causato da corruzione giudiziaria nel cosiddetto Lodo Mondadori.

La vicenda Lodo Mondadori si incentrava su sentenze comprate che avevano assegnato il gruppo editoriale di Segrate alla Fininvest nella battaglia legale che nella seconda metà degli anni 80 aveva opposto Silvio Berlusconi al gruppo di Carlo De Benedetti.

RAVVISATI PRESUPPOSTI DI URGENZA PER IMMEDIATA SOSPENSIONE

Nel dispositivo della sentenza, di cui Reuters è entrata in possesso, si legge poi che “in considerazione della natura dei motivi di impugnazione”, “della elevatissima entità della condanna” e del rischio di “esecuzione forzata” della sentenza, “sono ravvisabili i presupposti di urgenza richiesti per provvedere con decreto senza sentire l‘altra parte, con la limitazione del carattere provvisorio della sospensione”.

ENTRO 25 NOVEMBRE MEMORIA CIR

Il Tribunale assegna quindi a Cir “termine entro al 25 novembre 2009 per il deposito delle memorie” e stabilisce che l‘attuale decreto abbia efficacia soltanto fino alla decisione definitiva che sarà pronunciata con provvedimento collegiale.

PER FININVEST NOVE MOTIVI PER OPPORSI A CONDANNA

Sono nove i motivi con cui Fininvest si oppone alla sentenza di condanna a favore di Cir, con i quali contestano da un lato il merito della sentenza e dall‘altro l‘entità del risarcimento richiesto.

Tra questi viene contestato il riconoscimento del danno in base al principio della ”perdita di chance“, cardine della sentenza del Tribunale di Milano, e il fatto che Cir ”avesse rilevanti posssibilità di ottenere una sentenza di conferma del Lodo Mondadori, ribaltato dalla corte di Appello di Roma a seguito - secondo il Tribunale di Milano - di un atto corruttivo.

Tra i motivi di contestazione anche “l‘erroneità della sentenza per aver ritenuto Fininvest responsabile del preteso fatto illecito, affermandone la responsabilità in connessione a quella presunta di Silvio Berlusconi (prosciolto per intervenuta prescrizione) e di Cesare Previti (condannato in via definitiva”).

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below