17 ottobre 2009 / 11:45 / tra 8 anni

Obama contro assicurazioni salute, "bugiarde e disoneste"

di Patricia Zengerle

<p>Il presidente Usa Barack Obama. REUTERS/Kevin Lamarque (UNITED STATES POLITICS)</p>

WASHINGTON (Reuters) - Il presidente statunitense Barack Obama se l’è presa oggi contro le iniziative “bugiarde e disoneste” del settore delle assicurazioni sanitarie, affermando che stanno cercando di uccidere la riforma della salute, senza preoccuparsi del costo per il Paese.

La spinta del presidente democratico per rinnovare la sanità - un settore che vale 2.500 miliardi di dollari - e che rappresenta la priorità numero uno della sua agenda di politica interna, ha ottenuto un importante incoraggiamento in settimana col voto favorevole della commissione Finanze del Senato a una bozza di riforma, grazie anche al sostegno della repubblicana Olympia Snowe.

Molti esperti prevedono che una versione della legge sulla sanità sarà approvata nel 2009, ma ci sono ancora importanti divergenze sui dettagli, compresa la possibilità che il provvedimento includa un‘assicurazione gestita dal governo, la cosiddetta “opzione pubblica”.

“Per la prima volta in assoluto, tutte le cinque commissioni del Senato che hanno responsabilità sulla riforma sanitaria hanno approvato una versione della proposta di legge”, ha detto Obama nel corso del suo settimanale discorso alla radio. “Mentre ne parlo oggi, siamo più vicini a riformare il sistema della salute come mai era avvenuto in precedenza”.

Comunque, il presidente ha riconosciuto che la riforma deve ancora passare alcuni ostacoli prima di diventare legge. “E ci sono ancora quelli che vorrebbero uccidere la riforma a ogni costo”.

“La storia è chiara: per decenni i costi sanitari crescenti hanno scatenato disastri per le famiglie, per le attività e l‘economia. E per decenni, tutte le volte che abbiamo cercato di riformare il sistema, le compagnie assicurative hanno fatto di tutto, con il loro considerevole potere, per fermarci”.

La battaglia sulle assicurazioni tra i democratici e le assicurazioni è cresciuta d‘intensità dopo che l‘associazione di categoria America’s Health Insurance Plans ha diffuso un rapporto, lunedì scorso, alla vigilia del voto della commissione senatoriale, affermando che la riforma porterebbe a un aumento dei premi assicurativi di almeno 4.000 dollari entro il 2019.

I democratici hanno contestato il dato, citando un altro rapporto, quello dell‘Ufficio bilancio del Congresso, secondo cui il provvedimento darebbe una copertura sanitaria affidabile a milioni di americani che opra non la hanno e rallenterebbe invece la crescita dei costi.

“Stanno riempiendo i canali con pubblicità bugiarde e disoneste. Stanno riempiendo Capitol Hill di lobbisti e contributi finanziari. E stanno finanziando studi per ingannare il popolo americano”, ha detto Obama.

I leader democratici del Congresso si sono messi al lavoro in questi giorni per fondere le varie proposte sulla sanità delle commissioni, cercando di accontentare sia i liberal che i moderati del partito, e anche la repubblicana Snowe.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below