13 ottobre 2009 / 16:18 / tra 8 anni

Scaroni: Eni sigla contratto rivisto per sviluppo Zubair

LONDRA (Reuters) - Eni ha siglato il contratto rivisto per lo sviluppo del campo petrolifero Zubair, in Iraq.

Lo ha annunciato l‘amministratore delegato del gruppo italiano, Paolo Scaroni.

L‘Ad ha spiegato che Eni ha accettato una commissione di 2 dollari il barile e ha detto di attendersi che sul progetto lavorerà anche Saipem.

”Abbiamo tagliato la nostra commissione“, ha detto Scaroni, parlando a margine della conferenza FT-WEC Energy Leaders, (ma) l‘intera struttura contratturale è stata modificata”.

Il manager ha aggiunto che “c’è stato un addolcimento di altri elementi, in modo tale che il contratto centra i nostri criteri in termini di ritorno dell‘investimento”.

Scaroni ha affermato che i partner nel progetto, Occidental e Kogas, hanno accettato i nuovi termini del contratto, ma l‘Iraq ha escluso Sinopec.

In precedenza, da Bagdad, il ministro del Petrolio iracheno, Hussain al-Sharristani, in una conferenza stampa, aveva detto che il consorzio guidato da Eni era al rush finale per la firma del contratto per lo sviluppo del giacimento Zubair.

Secondo il consorzio, il campo petrolifero potrà raggiungere una produzione di 1,125 milioni di barili al giorno.

Scaroni, inoltre, si è detto “mediamente interessato” alla vendita della quota di Tullow in alcuni campi petroliferi dell‘Uganda.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below