12 ottobre 2009 / 12:55 / tra 8 anni

Fiat, analisti positivi in attesa Chrysler

MILANO (Reuters) - Fiat sale ancora in vista della presentazione del piano industriale del gruppo con Chrysler, il 4 novembre, e dopo le indicazioni offerte dal numero uno del gruppo Sergio Marchionne.

<p>Il logo di Fiat. REUTERS/Jose Manuel Ribeiro</p>

Alle 14,30 Fiat in rialzo del 6,8% a 11,03 euro, con scambi per 52,6 milioni di pezzi da 28,4 milioni della media giornaliera.

Nei giorni scorsi Morgan Stanley ha indicato target price a 16,8 euro e giudizio “overweight”, spingendo il titolo in netto rialzo per la seduta e quelle successive.

Mediobanca conferma giudizio “outperform”, mentre è in revisione il target price, che il titolo ha raggiunto oggi.

Gli analisti citano come elementi che sostengono Fiat la previsione di Marchionne sul fatto che Fiat, insieme alla partecipata Usa, arriverà a una produzione di 6 milioni di veicoli alla fine del quinquennio e la previsione fatta da Marchionne in un‘intervista sul raggiungimento del break-even a livello operativo nel giro di due anni.

“Il mercato ricomincia a scommettere sui contenuti del piano che sarà presentato il 4 novembre”, dice Massimo Vecchio, analista di Mediobanca. “Il titolo reagisce anche alla previsione di un utile operativo nel 2011 per Chrysler”.

“Una quotazione di Fiat intorno a 8 euro sconta una valutazione di Chrysler pari a zero”, aggiunge. “E’ ragionevole pensare che il valore del titolo raddoppi, rispetto a quel livello, se le cose con Chrysler funzionano”.

“Saremmo positivi anche se ci fosse un andamento debole dopo la presentazione”, aggiunge Vecchio. “E’ un titolo che va guardato in una prospettiva piuttosto lunga”.

“Se fai due conti sulle dichiarazioni del gruppo, è possibile già farsi un‘idea degli elementi principali del piano”, dice un analista che vuole restare anonimo, con riferimento alla previsione sul numero dei veicoli prodotti e sul break-even a livello operativo.

“Qualcuno preferisce però essere cauto e vedere come si arriva a questi target”, aggiunge. “C’è il rischio che dopo la presentazione il titolo perda terreno”.

Un trader cita l‘ipotesi di Ipo di Chrsyler, che sosterebbe anche Fiat.

Secondo un terzo analista, “il titolo è sostenuto dalle attese per Chrysler e forse anche per i dati del trimestre”.

“Il titolo a 11 euro include il valore della quota in Chrysler”, spiega. “Difficile dire se ci siano ancora spazi di rialzo. Sicuramente da qui alla presentazione rimarrà sostenuto. Dal punto di vista dei fondamentali si potrà fare un‘analisi esauriente dopo il 4 novembre”, quindi una volta presentato il piano della società Usa.

“Difficile fare una valutazione sulle previsioni date finora (numero veicoli prodotti e attese break-even) senza sapere come il gruppo intende raggiungerli”, aggiunge.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below