10 ottobre 2009 / 08:34 / 8 anni fa

Lodo Mondadori, Marina Berlusconi: 750 milioni "una mazzata"

ROMA (Reuters) - Il presidente di Fininvest e figlia del presidente del Consiglio, Marina Berlusconi, ha detto oggi in un‘intervista al Corriere della Sera che la condanna del tribunale civile di Milano a pagare 750 milioni di euro alla Cir di Carlo De Benedetti è una “mazzata” per le aziende del gruppo, e che metterebbe a rischio i loro investimenti.

“Non voglio nemmeno prendere in considerazione l‘ipotesi scellerata di dover tirare fuori una cifra del genere”, ha detto la presidente di Fininvest, che ha annunciato il ricorso in appello contro la sentenza.

Alla Fininvest fanno capo Mondadori, di cui Marina Berlusconi è presidente, e Mediaset, “società solide e ben gestite”, ha detto.

“Ma una mazzata da 750 milioni di euro farebbe tremare chiunque. L‘improvvisa mancanza di risorse finanziarie così importanti metterebbe a rischio le nostre possibilità di sviluppo”.

Fininvest è stata condannata dal tribunale civile di Milano a pagare a Cir 749.955.611,93 euro, come risarcimento del danno patrimoniale da “perdita di chance” di un giudizio imparziale -- con riferimento ad una sentenza che bocciava il Lodo Mondadori, favorevole a De Benedetti.

La vicenda Lodo Mondadori si incentrava su presunte sentenze comprate che avevano assegnato il gruppo editoriale di Segrate alla Fininvest nella battaglia legale che nella seconda metà degli anni 80 ha opposto Silvio Berlusconi al gruppo di Carlo De Benedetti. Nel processo, Berlusconi è stato prosciolto per intervenuta prescrizione.

Commentando ancora la condanna al risarcimento, Marina Berlusconi ha detto che “questo provvedimento sconcertante e del tutto ingiusto ci crea serissimi problemi”.

A stretto giro è seguita la reazione dei legali di De Benedetti, i quali rispondono che “una mazzata” sarebbe non risarcire la Cir del danno ingiustamente subito circa 20 anni fa.

“Che l‘obbligo di pagare 750 milioni euro sia una ‘mazzata’ per il debitore Fininvest, si può capire. Ma è stata una ‘mazzata’ ancora più dura e ingiusta per il creditore Cir avere subito 20 anni fa, per responsabilità di Fininvest, un danno di pari dimensione economica”, si legge in una nota degli avvocati di Cir di Cir, Vincenzo Roppo ed Elisabetta Rubini,

“E la ‘mazzata’ si ripeterebbe, a danno di Cir, se questa oggi non ne ricevesse il giusto risarcimento”, concludono i legali.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below