8 ottobre 2009 / 10:11 / 8 anni fa

Banche, Abi: sofferenze al limite, rettifiche 18-20 miliardi

ROMA (Reuters) - Le banche stanno accumulando sofferenze al limite del sopportabile e si avviano a chiudere il 2009 con un livello di rettifiche pari a 18-20 miliardi di euro.

<p>Banconote da 50 euro contate all'interno di una banca. REUTERS/Stefano Rellandini</p>

Lo ha detto il presidente dell‘Abi Corrado Faissola nel corso di un‘audizione in Senato sulla Finanziaria 2010.

“I flussi delle sofferenze sono al limite dell‘insopportabilità”, ha detto Faissola.

“Nel primo semestre le banche hanno registrato 9 miliardi di rettifiche che, se rapportate sull‘intero anno, fanno 18-20 miliardi”, ha aggiunto Faissola.

Il presidente dell‘Abi è tornato a contestare il regime fiscale sulla deducibilità delle sofferenze bancarie, chiedendo un intervento del governo.

“Le perdite su credito possono essere dedotte entro lo 0,30%, il resto lo si recupera in 18 anni”, dice Faissola.

Nonostante le difficoltà dovute alla crisi, l‘associazione delle banche italiane nega che in Italia si possa parlare di credit crunch: “Una forte riduzione del credito non c’è stata. Il credito non solo non è diminuito ma è cresciuto, la crescita tendenziale di agosto era superiore al 2%, nell‘area euro era a +0,3%”.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below