22 settembre 2009 / 17:48 / tra 8 anni

G20, Italia, Australia a Obama: priorità nuove regole

ROMA (Reuters) - Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ed il primo ministro australiano Kevin Rudd hanno sottolineato la necessità che la lotta alla speculazione sia una priorità del G20 di Pittsburgh in una lettera indirizzata al presidente degli Stati Uniti Barak Obama che presiede il prossimo summit.

<p>Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. REUTERS/Remo Casilli (ITALY POLITICS)</p>

Lo dice una nota di Palazzo Chigi.

Nella lettera i due premier chiedono di “portare al centro del dibattito la speculazione finanziaria e le manipolazioni dei mercati, in particolare di quelli delle materie prime”.

Berlusconi e Rudd hanno chiesto in particolare che nel vertice di Pittsburgh si definiscano iniziative legislative e regolamentari “per assicurare che i mercati delle materie prime possano soddisfare i bisogni di copertura dal rischio, senza amplificare le fluttuazioni di prezzo”.

In generale nella lettera si sottolinea che “stabilire ed applicare regole migliori per i mercati finanziari è una priorità assoluta dei nostri governi, una risposta alla crisi tesa a porre la crescita futura su fondamenta più solide. Crediamo che misure volte ad una maggiore trasparenza dei mercati e a ridurre l‘eccessivo uso dell‘indebitamento, siano una assoluta necessità per combattere la manipolazione dei mercati e ridurre la speculazione destabilizzante”.

A Pittsburgh i due leader intendono “porre l‘attenzione sulle misure per fare ulteriori progressi verso prodotti e mercati finanziari più trasparenti e meglio regolati”.

Oggi nella conferenza stampa dopo l‘approvazione della Finanziaria 2010 Berlusconi ha detto che l‘Italia parteciperà al vertice “da veri protagonisti della politica estera”, portando il lavoro di G8, G14 e G21 al summit di Pittsburgh.

Berlusconi e Rudd chiedono “un quadro regolatorio più trasparente ed efficace...per affrontare le questioni fondamentali della sicurezza energetica e alimentare. Quindi crediamo fermamente che i Leader dovrebbero discutere questi temi e auspicare un‘azione rapida e vigorosa”, si legge nella nota di Palazzo Chigi che riporta i contenuti della lettera a Obama.

Secondo Italia e Australia l‘intervento sulla speculazione nel mercato delle materie prime è necessario.

“Le attività speculative hanno determinato in larga parte le fluttuazioni del prezzo, con il risultato di un forte impatto negativo sulla vita delle persone. Se è indubbio che l‘intermediazione finanziaria è una necessità, una volatilità eccessiva nei mercati delle materie prime non può essere spiegata solo dai fondamentali economici e rappresenta una minaccia alla crescita mondiale”, scrivono i due leader nella lettera.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below