14 settembre 2009 / 09:23 / 8 anni fa

Borsa Milano chiude invariata, corre Seat, strappa Gabetti

MILANO (Reuters) - Piazza Affari termina sostanzialmente invariata la seduta odierna, grazie al recupero di Wall Street che ha consentito a tutti i mercati europei di annullare le perdite di giornata.

<p>Palazzo Mezzanotte in una foto d'archivio. REUTERS/Stefano Rellandini (ITALY )</p>

L‘indice FTSE Mib cede lo 0,04%, il FTSE AllShare lo 0,01%, così come il FTSE MidCap. Sul finale volumi che sfiorano i 3 miliardi di euro.

* FINMECCANICA, fra i migliori del listino, termina in salita dello 0,69%. Oggi la società ha annunciato una commessa da 1,9 miliardi di dollari per DRS Technologies: la controllata americana si è aggiudicata, insieme ad un‘altra società, un contratto per la fornitura di tecnologie a infrarossi all‘esercito americano.

“Con questo ordine, cumulato con gli ordini precedenti, Finmeccanica ha visibilità sul 70% degli ordini di quest‘anno”, spiega un trader ricordando che la raccolta ordini supera adesso i 14 miliardi e l‘obiettivo del gruppo era di 20 miliardi per il 2009.

* Bene anche PRYSMIAN (+0,76%). L‘ex Pirelli Cavi era sotto pressione da venerdì dopo la rottura, il giorno precedente, delle trattative per la fusione con l‘olandese Draka. Oggi Citigroup ha migliorato il prezzo obiettivo del titolo a 15 da 10,7 euro con raccomandazione “buy”.

* Beneficia dalla debolezza del dollaro, secondo un trader, BULGARI (+1,79%), mentre un altro operatore cita ancora l‘andamento in borsa di YELL, che oggi ha però ritracciato, per spiegare il balzo di SEAT PG (+4,05%).

* Fra gli industriali in lieve rialzo sia PIRELLI & C. che FIAT, mentre il settore auto è sceso di oltre l‘1% dopo il downgrade settoriale di SocGen.

Contestualmente stamani Goldman ha riavviato la copertura sul titolo del Lingotto con un “buy”.

* I dettagli dell‘aumento di capitale affossano la tedesca HEIDELBERGCEMENT zavorrando il settore cementiero europeo e contagiando i concorrenti italiani: ITALCEMENTI (-1,3%), BUZZI UNICEM (-1,72%) e CEMENTIR (-1,09%)

* Fa meglio dei telefonici europei (+0,77%) TELECOM ITALIA (+1,24%) nel giorno in cui Deutsche Bank ha migliorato a 1,44 da 1,35 euro il target price.

* Fra le blue chip peggiori si segnala MONDADORI (-1,5%) che, oltretutto, viaggia in netta controtendenza con il settore media europeo.

* Fuori dal listino principale brilla INDESIT (+7,10%) che aggiorna i massimi dell‘anno a 6,46 euro galvanizzata, secondo un trader, da un upgrade di Banc of America-Merrill Lynch a “buy”. Il broker ha anche alzato il prezzo obiettivo a 8,4 da 4,9 euro.

* Rally a doppia cifra per ANTICHI PELLETTIERI (+18,8%) indicata da indiscrezioni stampa quale attività cedibile dalla capogruppo in difficoltà finanziarie MBFG. La capogruppo ha smentito a mercato chiuso.

* Strappano GABETTI (+25,2%) e IT WAY (+27,4%). Sulla prima Deloitte & Touche ha espresso parere positivo sulla semestrale, mentre oggi parte l‘aumento di capitale. It Way ha oggi siglato due nuovi accordi di distribuzione per un valore complessivo stimato in circa 3 milioni di euro su base triennale.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below