7 settembre 2009 / 07:28 / 8 anni fa

Borse Asia-Pacifico in rialzo ma restano indietro Singapore,Seul

MILANO (Reuters) - Le piazze asiatiche crescono spinte dalla decisione del G20 di mantenere gli stimoli economici e le nuove regole cinesi che allargano la possibilità di investimenti in entrata nel paese. Sale però anche l‘oro che si avvicina a quota 1.000 dollari spinto dai valori di disoccupazione Usa ai massimi da 26 anni.

<p>Immagine d'archivio. REUTERS/Yuriko Nakao (JAPAN BUSINESS)</p>

Si stanno allentando le tradizionali relazioni tra gli asset rischiosi, segnale probabilmente di incertezza nell‘outlook di medio-periodo, contrattazioni affollate e valutazioni tirate.

Cresono le azioni cinesi nella speranza che Pechino continui con le politiche a supporto dei prezzi degli asset e quelle giapponesi spinte dai titoli tecnologici.

Intorno alle 8,45 ora italiana l‘indice regionale MSCI avanza dell‘1%, avvicinandosi al massimo di ciclo

raggiunto in agosto. Guidano i rialzi i settori dei materiali e quello dei consumi privati.

SHANGHAI cresce dello 0,5% spinta dal nuovo regolamento che alza i limiti degli investimenti di investitori istituzionali stranieri sui mercati finanziari.

Negativa in Asia solo la piazza di SINGAPORE che cede lo 0,2%.

Negli scambi asiatici il greggio Usa si è mantenuto stabile sui 68 dollari al barile.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below