5 settembre 2009 / 13:23 / 8 anni fa

Credito,Faissola:Abi ha spianato strada,ma manca domanda imprese

CERNOBBIO (Reuters) - Le banche italiane hanno aperto tutte le porte alle piccole e medie imprese, presentando loro una via spianata e semplice, con un intervento, quello della ‘moratoria’ che non ha precedenti, non solo in Italia.

Ora si attende che le imprese ne facciano ricorso, ma il problema è che al momento la domanda di credito non decolla.

E’ il messaggio dell‘Abi, l‘Associazione bancaria italiana, comunicato in una conferenza stampa dal suo presidente, Corrado Faissola, in occasione della seconda giornata del Workshop Ambrosetti a Cernobbio.

Faissola risponde quindi con i numeri delle adesioni alla moratoria da parte delle banche, alle provocazioni di Confindustria che, per voce del suo presidente Emma Marcegaglia, ha mostrato dubbi sull‘effettiva efficacia dell‘operazione.

L‘accordo tra Abi, Confindustria e ministero dell‘Economia, che consiste nello spostamento di un anno del rimborso delle quote di capitale di mutui e finanziamenti a medio e lungo termine, “è l‘intervento più incisivo e di più largo impatto sull‘attività delle imprese che mai sia stato realizzato non solo in Italia”, ha esordito nella conferenza stampa Faissola, aggiornando i numero delle adesioni “a ieri sera: 28.000 sportelli bancari, pari all‘82,5%, appartenenti a 269 banche, numero, quest‘ultimo, destinato a crescere”.

30-50 MILIARDI DI MINORI FLUSSI

Un impegno per le banche calcolato in circa 30/50 miliardi di minori flussi. Fondi che le banche andranno ad approvvigionarsi in altro modo, sul mercato o nelle operazione con la Bce, ha aggiunto.

Faissola ha però sottolineato che diversa è la situazione dalla parte delle imprese e della loro domanda di credito, che, vista la situazione di crisi, “non è decollata”. Così come le imprese mostrano di non utilizzare a pieno i loro impianti progettando nuovi investimenti, allo stesso non hanno interesse a domandare credito, ha detto.

“Le banche italiane hanno reagito molto bene all‘esigenza di non tagliare l‘ossigeno alle imprese -- ha continuato -- in Italia il credit crunch non c’è stato e non c’è”.

In una situazione in cui il Pil è sceso, l‘export è crollato, la produzione industriale è caduta “i dati mostrano che il credito alle imprese è invece continuato a crescere” dice ancora Faissola.

Di tutte le piccole e medie imprese italiane, Faissola stima che circa un 20-25% non abbia grosse esigenze di credito grazie alle loro buone politiche finanziarie e solo un 10/15% può mostrare situazioni per cui possa effettivamente rischioso dare credito. “Per il restante circa 60% la valutazione del dell‘operazione di finanziamento va fatta dalla singola banca ma sono convinto che, di questo, almeno il 58% venga soddisfatto”.

A SOSTEGNO DI PMI ANCHE ACCORDI CON CDP E BEI

E l‘Abi ricorda che altre iniziative sono state avviate per sostenere le piccole e medie imprese.

Come l‘accordo con la Bei o quello recente con la Cassa Depositi e Prestiti tramite il quale sono stati messi a disposizione 8 miliardi di euro di finanziamenti a costi convenienti.

“Sono già 90 le banche che hanno aderito a questo accordo” precisa il neo direttore generale Giovanni Sabatini. Anche in questo caso “stiamo aspettando le richieste di finanziamento” ha aggiunto..

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below