3 settembre 2009 / 08:57 / tra 8 anni

Crisi, Confindustria Italia e Germania a Ue: misure per credito

ROMA (Reuters) - Le associazioni degli industriali di Italia e Germania ritengono che la Ue debba urgentemente allentare i requisiti patrimonali delle banche e le metodologie di valutazione del rischio per facilitare l‘accesso al credito delle imprese ed una rapida ripresa economica.

<p>Il primo ministro svedese Fredrik Reinfeldt, presidente di turno del Consiglio europeo, e il presidente della Commissione europea Jos&eacute; Manuel Barroso. REUTERS/Bob Strong (SWEDEN POLITICS)</p>

Lo si legge in una lettera congiunta che i presidenti di Confindustria e della tedesca Bdi hanno spedito al primo ministro svedese Fredrik Reinfeldt, presidente di turno del Consiglio europeo, e al presidente della Commissione europea José Manuel Barroso.

“In Germania e in Italia ci sono preoccupanti segnali di un credit crunch in atto e le prospettive per la seconda metà dell‘anno non sono rassicuranti. Viste le circostanze, questo avrebbe conseguenze drammatiche per gli investimenti e per l‘occupazione in due delle principali economie Ue”, scrivono nella lettera Emma Marcegaglia e Hans-Peter Keitel.

“Situazioni eccezionali richiedono risposte eccezionali. Bdi e Confindustria chiedono all‘Unione europea di prendere urgentemente tutte le iniziative necessarie per affrontare questa questione critica”, aggiungono i due nella lettera.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below