21 agosto 2009 / 09:35 / 8 anni fa

Borse Europa: indici in forte crescita per Pmi e ottimismo Fed

MILANO (Reuters) - Le piazze europee salgono in modo sostenuto sulla scia dei dati Pmi di Francia, Germania e zona euro che ha generato ottimismo sulla ripresa europea. Un forte accellerazione è arrivata dai dati Usa e dal discorso di Ben Bernanke che hanno spinto la borsa americana.

<p>Trader al lavoro. REUTERS/Alex Grimm</p>

Wall Street ha aperto in rialzo ma meno mossa delle piazza europee per poi accelerare in modo deciso dopo il discorso ottimista verso la ripresa del presidente della Fed e i dati delle vendite delle case esistenti Usa che ha raggiunto, il massimo rialzo percentuale da dieci anni.

I mercati, che avevano aperto poco mossi per i segnali contradditori arrivati dalle piazze asiatiche, hanno subito reagito bene ai dati Pmi, spinti anche da un rialzo notevole del prezzo del greggio che ha superato i 74 dollari al barile, ai livelli più alti di quest‘anno.

Sfiora un incremento del 3,5% il settore delle utilities mentre viaggiano oltre il 2,5% la assicurazioni e le auto.

In fondo alla classifica dei rialzi, ma comunque sopra l‘1%, il settore del real estate.

Alle 16,10 l‘indice europeo FTSEurofirst guadagna il 2,31%. L‘inglese Ftse sale dell‘1,96%, il tedesco Dax del 2,66% e il francese Cac 40 del 3,04%.

Tra i titoli in evidenza:

* UBS vola oltre il +5%, dopo che ieri ha visto la fuoriuscita dello Stato svizzero dal capitale. Il titolo beneficia poi dell‘onda lunga della chiusura del contenzioso con il fisco Usa che aveva tenuto in apprensione gli investitori per lungo tempo.

* Continua la crescita dei listini immobiliari. Oggi guida i rialzi l‘irlandese MCINERNEY HOLDINGS a +7%, mentre la svizzera HOLCIM, ieri protagonista grazie alla buona trimestrale, prosegue la corsa oggi a +5%.

* Sale del 3,9%% VOLKSWAGEN, con le trattative sindacali negli stabilimenti messicani che riprendono dopo la pausa dei giorni scorsi.

* Torna in positivo anche RENAULT a +2% dopo una partenza negativa dovuta la brusca caduta alla borsa di Tokyo della sua controllata Nissan a -5,2%, fortemente orientata al mercato Usa, dopo la notizia che il piano di incentivi all‘auto negli Stati Uniti è prossimo alla conclusione.

* Salgono anche gli energetici, confortati dal greggio oltre i 74 dollari al barile, corrono TECHNIP a +5,2%, PETROPLUS a +7,3%, CGG ERITAS a +7% e PETROLEUM GEO-SERVICES a +4,2%.

* E.ON sale del 4,2% dopo che Paolo Scaroni, AD di Eni ha detto che Italgas, distribuzione gas controllata dall‘unità Eni Snam Rete Gas è interessata alla rete di distribuzione italiana di E.ON.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below