13 agosto 2009 / 14:07 / tra 8 anni

Borse Europa, indici frenano dopo dati Usa, per poi risalire

MILANO (Reuters) - Le borse europee riducono 
temporaneamente i guadagni, dopo aver toccato in mattinata i 
massimi da 9 mesi, a seguito dei dati deludenti dei disoccupati 
della settimana e delle vendite al dettaglio Usa in luglio. Poi 
i listini ricominciano  a salire sostenuti anche da Wall Street, 
che ha aperto in positivo.
Nel pomeriggio il dipartimento del Commercio Usa ha 
annunciato che le vendite al dettaglio totali nel mese di luglio 
sono scese dello 0,1% dal +0,8% rivisto a giugno. Le vendite in 
giugno erano state inizialmente indicate in progresso dello 
0,6%.
I nuovi sussidi di disoccupazione richiesti negli Stati 
Uniti nella settimana sono risultati in progresso di 558.000 
unità, in crescita rispetto alle 554.000 unità della scorsa 
settimana. Gli analisti si aspettavano 545.000 nuove pratiche, 
da una precedente lettura per 550.000 unità.
Non si è ancora spento l'entusiasmo per le dichiarazioni 
della Federal Reserve, che ieri ha parlato di stabilizzazione 
economica già in corso.
Aiutano i listini anche le stime sul Pil di Francia, 
Germania e zona euro annunciati questa mattina si sono rivelati 
al di sopra delle attese.
Alle 15,45 il FTSEurofirst 300 guadagna lo 0,72%. 
Tra le singole piazze l'inglese Ftse sale dello 0,82%, 
il tedesco Dax guadagna lo 0,93% e il francese Cac 40 lo 0,6%.
Tra i titoli in evidenza:
* I minerari sono i migliori del paniere, con BHP 
BILLINTON, ANTOFAGASTA, ANGLO AMERICAN, 
XSTRATA in progresso tra il 2,9% e il 5,89%.
* Bene le banche, con BNP PARIBAS, 
DEUTSCHE BANK, HSBC in progresso tra il 
2,07% e il 3,57%.
* UBS sale del 5,6% dopo l'annuncio dell'accordo 
trovato con il governo Usa sulla lista dei correntisti da 
consegnare al fisco. Dei 52.000 clienti la banca dovrebbe 
comunicare alle autorità Usa tra i 3 e 10.000 nomi.
* Bene anche il settore auto, in progresso del 
2,21%, sostenute da PEUGEOT, FIAT, 
RHEINMENTAL in progresso tra il 2,8 e il 4,73%.
* La società specializzata in energia pulita ITM POWER balza del 26,32% a 34,41 pence, proseguendo il rally che 
dal mese di luglio ha portato la società a triplicare il proprio 
valore in borsa. La causa sarebbe il cambio di strategia messo 
in atto dal nuovo Ceo Graham Cooley.
* UNITE GROUP avanza del 3,4% grazie al broker Noble 
che alza il suo giudizio a "positive" da "negative"dopo 
l'annuncio di una jv con la Oasis Capital Bank del Barhain per 
sviluppare case per studenti a Londra.
* Sul fronte dei ribassi NESTLE in calo dell'1,75% 
dopo aver annunciato di non avere progetti in vista collegati ad 
una acquisizione sulla base del ricavato dalla vendita di una 
tranche di ALCON.
* La società che gestisce pub JD WETHERSPOON cede il 
4,43% dopo Altium Securities ha tagliato il rating da "hold" a 
"buy" ma ha mantenuto invariato il target price a 500 pence.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below