13 luglio 2009 / 07:52 / 8 anni fa

Borsa Milano chiude sui massimi grazie a banche,vola Ansaldo Sts

<p>Un operatore sul floor della Borsa di New York. REUTERS/Brendan McDermid</p>

MILANO (Reuters) - La borsa milanese chiude in rialzo una seduta a doppia velocità. Debole in mattinata sulle preoccupazioni del mercato sui conti trimestrali in arrivo per le maggiori società americane, si rafforza e corre velocemente nel pomeriggio sulla scia di Wall Street fiduciosa proprio sui risultati delle principali compagnie finanziarie.

Ad innescare l‘euforia sul settore i commenti positivi sul settore bancario da parte di un‘analista molto seguita a Wall Street.

“Seguiamo in pieno Wall Street che ha invertito la rotta con i titoli bancari”, commenta un trader.

“Ci aspettano risultati positivi per alcune grosse banche e questo sta trascinando al rialzo tutto il settore”, spiega.

L‘indice FTSE Mib chiude ai massimi di giornata a +2,13%, mentre l‘AllShare segna progresso dell‘1,95%. L‘indice FTSE Mid Cap sale dello 0,87%. Volumi pari a 1,6 miliardi di euro circa.

* Il comparto bancario milanese è guidato da UNICREDIT in rialzo del 3,9% seguita da UBI a +3,27%. MEDIOBANCA e POP MILANO registrano guadagni del 2,7% e del 2,3% rispettivamente.

Più indietro, INTESA SANPAOLO ferma il recupero a +1%, mentre BANCO POPOLARE chiude in teritorio positivo (+0,78%) dopo una mattinata di vendite in un mercato che guarda con attenzione alla preparazione dell‘aumento di capitale della controllata ITALEASE.

* La seduta ha visto anche un forte interesse per gli industriali ANSALDO STS e PRYSMIAN che hanno guadagnato il +5,7% e 4,9% rispettivamente.

“Ansaldo STS ha un‘ottima raccolta ordini superiore alle stime, positivi anche l‘Ebit margin e la cassa netta e ricavi”, dice un trader riferendosi ad alcuni numeri riportati dal Sole 24 Ore nel weekend.

Prysmiam beneficia del rialzo del prezzo del rame.

* Acquisti su STMICRO, +3,7% in un settore tech che guadagna il 2,6%, grazie ai risultati sopra le attese di Philips.

* Aiutano al rialzo degli indici anche i petroliferi tonici in tutta Europa (Stoxx+1,6%). SAIPEM sale del 3,2% ed ENI dell‘1,3%.

* Tra i vari settori a Milano e in Europa bene anche le auto anche dopo l‘upgrade di Citigroup sul settore e la componentistica Usa. FIAT sulla scia con un rialzo del 2,9%.

* Tra ai titoli pià piccoli affonda dell‘8,8% ACSM-AGAM. Secondo il presidente dell‘utility, Umberto D‘Alessandro citato da un settimanale finanziario nel weekend, la società è ancora sottovalutato avendo un valore “congruo” attorno a 1,8-1,9 euro per azione.

Con una nota la società precisa che tale valore si riferisce al valore di libro della società “che al 31 marzo contabilizzava un patrimonio netto post fusione di circa 150 milioni di euro”,

* Calo del 5% per AEDES. Venerdì sera il cda ha preso atto della ricezione da parte di Viba della fideiussione bancaria da 45 milioni ma Isoldi Immobiliare ha dichiarato di non essere in grado di prestare l‘attesa fideiussione.

* Ritraccia a -8% COBRA, che venerdì era salita sulla notizia di contratti con Hyundai e Kia.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below