9 luglio 2009 / 12:04 / 8 anni fa

G8+G5 d'accordo per evitare svalutazioni competitive

L‘AQUILA (Reuters) - I leader G8 più Brasile, India, Cina, Messico, Sudafrica ed Egitto sono d‘accordo nell‘astenersi da svalutazioni competitive e nel promuovere uno stabile sistema finanziario internazionale.

<p>Una veduta generale della tavola rotonda nella sala principale del G8 all'Aquila. REUTERS/Stephane de Sakutin/POOL (ITALY POLITICS)</p>

Lo si legge nella bozza del comunicato.

I paesi si sono anche detti d‘accordo per concludere con successo i colloqui sul commercio mondiale (Doha round) nel 2010 e per dare mandato ai rispettivi ministri del Commercio per incontrarsi prima del prossimo G20 di settembre a Pittsburgh.

Un obiettivo che il presidente della Commissione europea Jose Manuel Barroso ha definito realistico, aggiungendo che spetta a tutti i paesi, sviluppati e in via di sviluppo, l‘impegno di agire per raggiungerlo.

Il presidente europeo ha aggiunto che i leader G8 più Brasile, India, Cina, Messico, Sudafrica ed Egitto sono d‘accordo sul fatto che “i futuri colloqui si baseranno sui progressi già fatti in tema di modalità”.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below