8 luglio 2009 / 10:25 / tra 8 anni

G8 L'Aquila, commenti analisti su bozza comunicato

ROMA (Reuters) - Di seguito una selezione di commenti raccolti tra gli analisti in merito ai contenuti della bozza del comunicato G8.

Ottenuto in mattinata da Reuters, il documento spazia su un ampio ventaglio di temi, tra cui i prezzi dell‘energia e la necessità di arrivare a un accordo sugli obiettivi commerciali fissati dal ‘Doha round’.

Nessun riferimento diretto invece a valute o mercato dei cambi, così come viene a cadere la menzione al target del 2050 per il dimezzamento delle emissioni serra.

Di seguito il commento degli analisti:

** ENERGIA **

AMRITA SAN, Barclays Capital

”Una maggior trasparenza è sempre auspicabile ma resta la possibilità che una normativa più rigida abbia un impatto negativo. A nostro parere l‘apprezzamento di quest‘anno è stato determinato dai fondamentali, dal momento che le quotazioni del greggio sono semplicemente scese troppo per incoraggiare nuovi investimenti. C’è però chi è convinto che a monte del recupero del greggio sia la speculazione. Una normativa inadeguatamente predisposta renderebbe il mercato meno liquido aumentando la volatilità dei prezzi.

PAUL HARRIS, Bank of Ireland

“Una dichiarazione piuttosto vuota. Difficile immaginare come risolvere il problema della volatilità se non introducendo una più rigida regolamentazione sugli scambi delle materie prime. Va inoltre rilevato che, per quanto riguarda la possibilità che i paesi consumatori di greggio esercitino una qualche influenza sull‘Opec, le richieste di aumento della produzione avanzate lo scorso anno non hanno avuto alcun riscontro”.

SIMON WARDELL, senior energy analyst Ihs Global Insight

”Sembra il primo passo in direzione di un‘indagine più approfondita, in questa fase l‘esigenza è quella di indicare suggerimenti piuttosto che una concreta normativa... Per quanto riguarda il tema della trasparenza sembra forse si vogliano più dati dai paesi Opec sulle riserve e dai consumatori sui consumi.

“Dovremmo probabilmente fare di più per capire cosa determina il movimento dei prezzi prima di pensare alla struttura del mercato”.

OLIVIER JAKOB, analista Petromatrix

“Sul G8 non scommetterei un centesimo... ci si preoccupa di più della Cftc (‘Commodity Futures Trading Commission, autorità di supervisione Usa) che del Gruppo degli Otto. Anche se nulla avverrà prima di qualche mese, l‘autorità Usa sta valutando di imporre limiti al mercato dell‘energia”.

** DOLLARO **

GAVIN FRIEND, National Australia Bank

“La restaurazione della normalità [che il comunicato non faccia riferimento alla valuta Usa]. Nelle sedute precedenti all‘appuntamento G8 c’è rischio di un leggero indebolimento del dollaro ma il biglietto verde potrebbe recuperare adesso qualcosa grazie alla maggiore avversione al rischio”.

TAKAO HATTORI, Mitsubishi Ufj Securities

”Il dibattito sul ruolo del dollaro ha reso instabile il mercato. Dal momento che dobbiamo almeno per qualche tempo mantenere il dollaro come valuta chiave delle riserve globali, nonostante qualche problema, il mancato riferimento al dollaro dovrebbe far venir meno un fattore di instabilità.

Nonostante i segnali di stabilizzazione dell‘economia e recupero della fiducia la congiuntura concreta non è ancora ripartita, mercato del lavoro e salari restano stagnanti.

A mio parere, in passato il Giappone ha messo fine alle misure espansive di politica economica di fronte ai primi segnali di recupero, in questo modo compromettendosi la possibilità di una vera e propria ripresa. Se continuano con le dichiarazioni altisonanti e si concentrano troppo sulle ‘exit strategy’ il mercato potrebbe cominciare a innervosirsi”.

** EXIT STRATEGY **

GAVIN FRIEND, National Australia Bank

“Nelle ultime due o tre settimane si è cercato di fare il punto concreto sulle prospettive della ripresa alla luce dei dati macro ed è perfettamente logico che i vertici ne parlino”.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below