25 giugno 2009 / 08:12 / tra 8 anni

Borse Europa, indici in calo dopo Fomc, giù energetici, banche

LONDRA (Reuters) - Aprono la mattinata in lieve calo le borse europee, sulla scia della chiusura contrastata di Wall Street.

<p>Trader alla borsa di Francoforte REUTERS/Remote/Pawel Kopczynski</p>

Ieri sera, al termine della riunione di politica monetaria, la Federal Reserve ha mantenuto invariati i tassi, in linea con le attese, ma ha ribadito le preoccupazioni sulle prospettive economiche.

“La Fed è stata cauta. Una buona cosa, visto che non ha alimentato le prospettive di inflazione”, commenta David Thebault di Global Equities a Parigi.

“La debolezza dell‘ultimo periodo è stata provocata dalle prese di profitto. Dovremmo muoverci in orizzontale durante l‘estate, ma la propensione verso le borse degli investitori istituzionali sta aumentando”.

Nel pomeriggio sarà invece il governatore della banca centrale Ben Bernanke a essere chiamato davanti a una commissione parlamentare per spiegare le condizioni di acquisto di Merrill Lynch da parte di Bank of America, un‘operazione su cui sono circolate in passato alcune polemiche.

Intorno alle 10,00 l‘indice FTSEurofirst 300, che ieri aveva chiuso in rialzo del 2,39% sull‘iniezione di liquidità record della Banca centrale europea, perde lo 0,4% circa.

Sulle singole piazza il Ftse 100 lascia sul terreno lo 0,05%, il Dax lo 0,54% e il Cac-40 lo 0,34%.

Tra i titoli in evidenza:

* Scendono energetici e banche, all‘indomani di una seduta positiva. UBS perde il 3,8%, TOTAL l‘1,06%. Tra gli assicurativi scende del 2,4% SWISS LIFE dopo una revisione al ribasso del rating a “underperform” e il taglio del target price a 76 franchi svizzeri deciso da Bank of America-Merrill Lynch.

* Il terzo gruppo al mondo per vendite al dettaglio di articoli di abbigliamento HENNES & MAURITZ ha registrato un utile prima della tasse sopra le attese a 5,78 miliardi di corone svedesi nel secondo trimestre conclusosi il 31 maggio. Il titolo sale dell‘1,7%.

* L‘emissione di bond per 1 miliardo di euro destinato alla clientela retail del gruppo elettrico statale francese EDF avrebbe già avuto richieste per oltre 2 miliardi. Il titolo scende però dello 0,25%.

* Il colosso di vendite al dettaglio di articoli elettronici DSG INTERNATIONAL si aspetta che il mercato resti debole. Il titolo sale tuttavia del 4,2%, su un utile nell‘anno leggermente sopra le attese, che puntavano su un calo del 78%.

* L‘AD di ERICSSON Carl-Henric Svanberg prenderà il posto di Peter Sutherland come presidente di BP dal 1 gennaio 2010. Le società perdono rispettivamente l‘1,17% e lo 0,7%.

* ADIDAS e PUMA risentono del declino peggiore delle attese degli ordini globali della rivale americana Nike e hanno lasciato sul terreno l‘1,8% e lo 0,24%.

* Aumenta la domanda di cioccolato. BARRY CALLEBAUT, il maggior produttore al mondo di cioccolato, sale del 2,22% sull‘aumento della domanda nei primi 9 mesi dell‘anno fiscale, dovuto specialmente alle uova di Pasqua.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below