25 giugno 2009 / 07:40 / 8 anni fa

Chrysler, spese legali per fallimento a 12,7 milioni di dollari

DETROIT (Reuters) - Il fallimento di Chrysler ha avuto un costo in termini di spese legali nel primo mese pari a 12,7 milioni di dollari, secondo i documenti del Tribunale.

<p>Il logo Chrysler. REUTERS/Molly Riley</p>

Jones Day, lo studio legale di New York che rappresenta Chrysler nella causa di fallimento, ha presentato un conto di 12,4 milioni per le commissioni e di appena oltre 256.00 dollari per le spese.

Il conto copre il periodo dal 30 aprile, quando Chrysler ha fatto domanda per avvalersi del Chapter 11, al 31 maggio, 10 giorni dopo la chiusura dell‘accordo che ha visto la vendita delle attività migliori a una nuova società controllata da Fiat

Il documento del Tribunale fornisce dettagli sui grandi sforzi legali iniziati con la richiesta di fallimento di Chrysler e dà la misura del conto potenziale per il più complesso fallimento di General Motors, avviato ora.

Jones Day conta 72 partner, guidati da Corinne Ball, 55 anni, che ha lavorato al caso Chrysler nel primo mese, secondo la fattura dello studio. Altri 193 avvocati sono stati coinvolti nel caso.

Ball, avvocato esperto in diritto fallimentare, ha lavorato una media di 15 ore al giorno, weekend compresi, durante il periodo, per un conto complessivo di 401.310 dollari per la sua prestazione professionale, corrispondenti a 900 dollari all‘ora.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below