16 giugno 2009 / 07:24 / tra 8 anni

G8, Berlusconi: accordo finale su regole finanziarie a G20

WASHINGTON (Reuters) - Il nuovo corpo di regole internazionali per il buon funzionamento degli affari nel mondo sarà opera del G20 e non del G8.

<p>Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. REUTERS/Max Rossi (ITALY POLITICS)</p>

Lo ha detto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi al termine dell‘incontro con il presidente degli Stati Uniti Barack Obama alla Casa Bianca.

“Stiamo lavorando per arrivare ad un corpo di regole e principi per evitare in futuro una crisi finanziaria ed economica come quella che abbiamo avuto”, ha detto Berlusconi, da gennaio presidente di turno del G8 al quale partecipano oltre Italia e Usa anche Giappone, Germania, Francia, Gran Bretagna, Canada e Russia.

“Siamo d‘accordo sul fatto che non sia pensabile che il G8 produca questo corpo”, ha aggiunto. “E’ uno step che sarà seguito dal G20 di Pittsburgh per arrivare a soluzioni condivise che non condizionino il libero espandersi dei paesi”.

Il prossimo summit dei capi di Stato e di governo del G8 si terrà a L‘Aquila l‘8-11 luglio mentre il G20 a guida britannica è previsto si riunisca negli Usa a settembre.

E’ la prima volta che Berlusconi ammette che il nuovo codice di regole per evitare il ripetersi di crisi come quella innescata dal comparto dei mutui sub prime americani non troverà definizione finale al G8 ma al G20, il consesso delle prime economie mondiali a guida britannica che ha preso le redini della crisi finanziaria mondiale lo scorso novembre e in cui sono rappresentate le grosse economie emergenti di Cina e India.

CAMBIAMENTI CLIMATICI, DOHA ROUND, SICUREZZA ALIMENTARE

Nell‘agenda del vertice dell‘Aquila rimangono i cambiamenti climatici, i negoziati commerciali e la sicurezza alimentare. Per Obama l‘ordine del giorno potrebbe allargarsi alla riduzione degli armamenti.

“Vogliamo che questo G8 raggiunga risultati concreti”, ha detto Berlusconi al termine del suo primo incontro ufficiale con Obama dalla elezione del presidente Usa.

“Sono qui a collaborare con Obama come ho fatto in passato con Clinton e con Bush. Sarei molto contento di augurarmi un rapporto personale, amichevole e diretto. Saranno i fatti a dirlo. Credo che abbiamo ben cominciato”, ha detto ancora Berlusconi.

Il Cavaliere spera che la presenza al summit in terra abruzzese del direttore generale dell‘Organizzazione mondiale per il commercio (Wto) Pascal Lamy possa ridare vita ai moribondi negoziati di Doha.

Impegnato in una visita in Russia prima dell‘appuntamento a L‘Aquila, Obama si augura che nell‘agenda del G8 ci sia spazio anche per la non proliferazione nucleare.

“Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, che ha stretti rapporti con i russi, ci ha fornito dei suggerimenti su come affrontare la questione della riduzione degli arsenali nucleari”, ha detto il presidente Usa.

“Spero che anche questo diventi uno dei temi del G8”, ha detto ancora.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below