11 giugno 2009 / 16:37 / 8 anni fa

Draghi si aspetta grossi progressi su nuove regole entro l'anno

di Huw Jones

TEL AVIV (Reuters) - Entro la fine dell‘anno sarà messo a punto un ampio range di nuove regole per rendere i mercati finanziari più sicuri per gli investitori.

Lo ha detto Mario Draghi, governatore di Banca d‘Italia e presidente del Financial Stability Board, a margine della conferenza dell‘International Organisation of Securities Commissions (Iosco) a Tel Aviv.

“Da qui alla fine dell‘anno succederanno molte cose su contabilità, agenzie di rating, capitale, accantonamenti, riserve di liquidità. Entro la fine dell‘anno avremo messo a punto una considerevole mole di lavoro”, ha detto Draghi.

In aprile il G20 ha deciso di rafforzare le regole dei mercati finanziari che non sono riuscite ad evitare la peggiore crisi in decenni.

Alcuni regolatori, tuttavia, dubitano che i governi realizzeranno gli impegni presi adesso che i mercati mostrano i primi segni di stabilizzazione e che si allenta la pressione delle opinioni pubbliche per una riforma dei sistemi di vigilanza.

“Non sono pessimista sul grado di attuazione”, ha detto Draghi.

C’è anche l‘esigenza di assicurare che le iniziative prese a livello nazionale, come la ricapitalizzazione delle banche, non portino a una distorsione della concorrenza sul mercato globale, ha proseguito il presidente del Fsb.

“Fortunatamente”, ha aggiunto, “Non penso che questo sia ancora una gran cosa”. Dopo aver raggiunto una intesa a livello globale sulle azioni necessarie, c’è stata l‘opportunità di “convergere rapidamente verso standard comuni e regolamentazioni condivise”.

Alla fine di giugno il Fsb tiene la sua prima riunione dopo l‘allargamento a tutti i paesi del G20 oltre a Spagna e Commissione Ue (in precedenza si chiamava Financial Stability Forum e rappresentava solo i paesi del G7).

Il Fsb ha come nuovo mandato quello di avvisare i governi di eventuali situazioni di rischio derivanti dall‘attività degli intermediari bancari.

Il Fsb è incaricato anche di vigilare sull‘implementazione e il corretto funzionamento degli impegni presi in ambito G20 come per esempio quello sulla costituzione di collegi di supervisori per le principali banche cross-border.

“Esamineremo gli aggiustamenti che hanno avuto luogo dalla nostra ultima riunione in termini di ricapitalizzazione delle banche, qual è la situazione dei mercati dei capitali, quale la situazione delle securitisation - ci sono segni di vita?”, ha detto Draghi.

Si guarderà anche alle riserve di capitale e di liquidità, ai criteri contabili, agli accantonamenti così come alla implementazione di una lista di impegni regolamentari che il G20 ha preso in aprile.

Il Fsb istituirà dei comitati che si occuperanno di indicare le azioni necessarie per far fronte ai rischi presenti nel sistema finanziario internazionale e coordinare la vigilanza, ha detto Draghi.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below