21 maggio 2009 / 09:33 / 9 anni fa

Fiat, per AD più 50% di chance per Opel, tagli non scontati

MILANO (Reuters) - Per l‘AD di Fiat, Sergio Marchionne, il gruppo torinese ha oltre il cinquanta per cento di possibilità di successo per l‘offerta avanzata sulla tedesca Opel perchè la sua proposta, al contrario di quelle concorrenti, ha una forte valenza industriale, e non è detto che l‘operazione porti ad esuberi di personale.

<p>L'ad di Fiat Sergio Marchionne. REUTERS/Alessandro Garofalo</p>

E’ quanto scrive il quotidiano La Stampa riportando delle ‘confidenze’ che Marchionne avrebbe fatto ai suoi collaboratori ieri in occasione dell‘assemblea degli azionisti della Giovanni Agnelli & C. Sapa.

“La Fiat ha più del cinquanta per cento di possibilità di farcela nella sfida per Opel”, scrive il quotidiano citando l‘AD.

“Perchè alla fine la nostra è l‘unica offerta con contenuti e valori industriali. Le altre o non hanno consistenza produttiva o sono sostanzialmente finanziarie... Magari piacciono ai sindacati perchè pensano di poter condizionare certi manager solo esperti di finanza e meno di industria”, aggiunge.

Oltre a quella di Fiat sono giunte ieri anche le proposte di Magna e Rhj International.

Relativamente alle polemiche sui possibili tagli occupazionali che l‘operazione Fiat-Opel comporterebbe, Marchionne avrebbe detto che “comunque la sovrapposizione fra Fiat e Opel non è scontato che si traduca in esuberi di personale”.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below