20 maggio 2009 / 07:04 / 8 anni fa

Fiat, Scajola: buone possibilità esito positivo trattativa Opel

ROMA (Reuters) - Il ministro dello sviluppo Claudio Scajola ha detto che Fiat ha buone possibilità di realizzare l‘accordo per l‘acquisizione di Opel.

<p>L'AD di Fiat Sergio Marchionne il 15 maggio scorso con una copia in mano del "The Detroit News" che titola "Fiat cerca un accordo con GM in Europa". REUTERS/Alessandro Garofalo</p>

“Mi sento evidentemente molto frequentemente con Fiat. Dopo la positiva conclusione con la Chrysler, che e’ importantissima e fondamentale per noi e per tutto il settore dell‘auto, ci sono buone possibilita’ che venga chiusa anche la trattativa con Opel”, ha detto il ministro a cui è stato chiesto se in vista della giornata decisiva di oggi con la presentazione delle offerte ai tedeschi avesse informazioni sull‘esito possibile della trattativa.

“Io me lo auguro perché se la Fiat cresce e diventa più forte all‘estero diventerebbe anche più forte in Italia”.

Fiat ha aperto in Borsa in rialzo del 2,36% nel giorno in cui presenterà la sua offerta per rilevare Opel.

Scajola ha poi ribadito che l‘incontro con Fiat e le organizzazioni dei lavoratori, chiesto dai sindacati ci sarà ma solo a trattativa conclusa.

“Ritengo che in queste ore difficili, molto complesse e dove i concorrenti della Fiat che sono in tanti Paesi non vedono di buon occhio una società che è la settima-ottava del mondo assurgere alla ribalta internazionale come un grande gruppo, sia il dovere del governo e degli italiani lasciare tranquilli i dirigenti della Fiat, l‘ottimo Marchionne in questa trattativa”, ha detto Scajola.

E ai lavoratori che sono preoccupati per il rischio di chiusura di impianti in Italia Scajola dice:

“Sarei stato molto più preoccupato se la Opel avesse comprato la Fiat, se le aggregazioni non avessero riguardato la Fiat. La migliore garanzia per il mantenimento del lavoro anche nel nostro Paese è che la Fiat cresca”.

Quanto a garanzie esplicite date al governo da Fiat sul mantenimento degli impianti produttivi in Italia, Scajola ha ricordato che quello è stato l‘impegno a base del quale sono stati concessi gli incentivi per la rottamazione.

“Le garanzie nascono da quando abbiamo deciso gli incentivi per le auto ecologiche, che stanno riportando il mercato ai livelli del 2008. Allora abbiamo collegato gli incentivi all’ impegno chiesto e ottenuto con la Fiat a non chiudere le fabbriche in Italia”, ha detto Scajola.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below