19 maggio 2009 / 11:05 / 9 anni fa

Borsa Milano chiude positiva sotto massimi, brilla Autogrill

MILANO (Reuters) - Seduta altalenante per Piazza Affari, dove l‘ottimismo che in mattinata aveva sostenuto il rally di tutte le borse europee ha lasciato il passo, nel primo pomeriggio, alla cautela innescata dalle deludenti statistiche sull‘apertura di nuovi cantieri negli Stati Uniti.

<p>Immagine d'archivio della Borsa di Milano. REUTERS/Stefano Rellandini (ITALY )</p>

Il dato, al minimo record dal 1959, ha colto di sorpresa il mercato, indebolendo le attese di una imminente stabilità del mercato immobiliare e appesantendo l‘azionario su entrambe le sponde dell‘Atlantico. Nell‘ultima parte della seduta europea tuttavia i listini hanno ritrovato smalto archiviando la giornata con un bilancio complessivamente positivo.

“Il mercato si è mosso sul dato americano dopo la partenza forte di questa mattina, che aveva visto proseguire gli acquisti sui settori più aggressivi come i bancari, le costruzioni, gli assicurativi. Con il dato gli indici sono scesi sui minimi di giornata per poi riportarsi su buoni livelli”, commenta Gianmaria Bergantino, responsabile gestioni di Bank Insinger.

L‘indice S&P/Mib, arrivato a guadagnare fino al 2,3%, chiude in rialzo dell‘1,1%, il Mibtel avanza dello 0,82% e l‘Allstars dello 0,59%. Volumi nel finale per circa 3,3 miliardi di euro.

L‘indice europeo Stoxx 600 guadagna l‘1,2% mentre a Wall Street gli indici viaggiano poco sopra la parità.

* Tra le banche, forti in tutta Europa (+3% lo Stoxx), proseguono gli acquisti su UNICREDIT che sale del 4,5% dopo l‘ottima performance di ieri.

* AUTOGRILL brilla con un +8,3% in testa al paniere principale. Gli operatori ricordano che il titolo è stato tra quelli a soffrire di più per le recenti notizie sul diffondersi della febbre suina e citano una revisione al rialzo di target price da parte di Unicredit che conferma il giudizio “buy”. I risultati del primo trimestre - che negli ultimi giorni hanno già aiutato una ripresa del titolo - dimostrano gli effetti positivi del programma di taglio dei costi voluto dal management sui conti del gruppo, sottolinea Unicredit nel suo studio datato ieri.

* Balzo deciso anche per BULGARI (+3,9%), attribuibile principalmente a ricoperture dopo le perdite seguite alla brutta ultima trimestrale.

* Acquisti su FIAT, in rialzo di oltre il 3% alla vigilia della presentazione al governo tedesco del piano per la Opel, operazione che gli operatori considerano positiva e strategicamente rilevante per il gruppo torinese.

* Ben comprata PRYSMIAN (+5,7%) dopo l‘annuncio di ieri dell‘aggiudicazione di un contratto da 47 milioni di euro in Qatar.

* Sul fronte opposto in evidenza la debolezza di TELECOM ITALIA, -2% circa in un panorama comunque debole per i telefonici in tutta Europa (-1,5% l‘indice tlc). “E’ un settore con poca forza relativa anche a livello europeo”, commenta Bergantino.

* Vendute anche A2A, -2%, e PARMALAT, reduce dai recenti forti rialzi seguiti ai risultati trimestrali.

* Tra i titoli fuori dall‘indice S&P/Mib spicca una manciata di rialzi a due cifre, tra cui il +17% di GEMINA. Progressi vicini al 10% per DE’ LONGHI, COIN e VIAGGI DEL VENTAGLIO.

* Sempre tra i più piccoli SNAI balza del 5% aiutata, secondo un trader, dalle attese sulla sua partecipazione a un‘eventuale gara per il Gratta & Vinci.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below